Mercoledì, 24 Febbraio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Emergenza neonatale, Lucia Borsellino firma i decreti: cinque punti per tutta la Sicilia
SANITA'

Emergenza neonatale, Lucia Borsellino firma i decreti: cinque punti per tutta la Sicilia

Le strutture saranno suddivise per i tre bacini dell'Isola: occidentale, orientale e centrale

PALERMO. L'assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, ha firmato uno dei primi decreti attuativi della rete ospedaliera e territoriale regionale, pubblicata lo scorso 23 gennaio, che prevede la reingegnerizzazione e l'ottimizzazione della rete dei Servizi di trasporto emergenza neonatale (Sten) e assistito materno (Stam), già prevista negli atti di programmazione regionale fin dal 2006.

La rete, revisionata con il decreto del 2 dicembre 2011, con il nuovo provvedimento che dà attuazione a una specifica previsione contenuta nei suddetti atti di programmazione, viene articolata in 5 punti Sten e Stam per i tre bacini della Sicilia occidentale, centrale ed orientale, secondo l'orientamento espresso anche dalla Società Italiana di Neonatologia (Sin) e così suddivisi:

Sicilia occidentale, Azienda Ospedaliera Villa Sofia Cervello di Palermo - presidio ospedaliero Villa Sofia di Palermo - per le province di Agrigento, Palermo e Trapani.

Sicilia centrale, Azienda Sanitaria Provinciale di Enna - presidio ospedaliero Umberto I di Enna - per le province di Caltanissetta ed Enna.

Sicilia orientale, Aoup di Catania - presidio ospedaliero Santo Bambino - per le province di Catania, Siracusa e Ragusa.

Azienda Sanitaria di Messina - presidio ospedaliero Barone Romeo di Patti - Aoup di Messina - presidio ospedaliero G. Martino di Messina - per la provincia di Messina.

A decorrere dal 30 aprile 2015, infatti, i direttori generali delle suddette aziende sanitarie sedi di Sten e Stam dovranno continuare ad assicurare l'operatività dei servizi resi dalla rete, attraverso l'applicazione di un formale e condiviso protocollo operativo che rafforzi il pieno raccordo funzionale tra i centri trasferenti ed accettanti, per il tramite della rete di emergenza urgenza 118, secondo quanto previsto dalla procedura allegata al D.A. 2 dicembre 2011.

La realizzazione di questa attività secondo procedure condivise costituisce obiettivo specifico e prioritario per i direttori generali delle medesime aziende sanitarie, cui sono state destinate somme vincolate a tale scopo.

«Questo provvedimento - specifica Borsellino - interviene a ottimizzare un percorso già avviato da anni in Sicilia nelle emergenze neonatali e materne, che ha prodotto nell'ultimo anno 2014, rispettivamente, circa 90 trasporti di neonati dai centri di I livello verso il centro Sten di Catania, circa 150 verso quello di Palermo, circa 64 verso quello di Messina e circa 40 verso lo Sten di Enna, a partire da quest'anno verrà garantito attraverso la più performante dotazione strumentale affidata ai responsabili dei centri Sten».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X