Giovedì, 28 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pensioni, ai regionali 20% in meno Saranno uguali a quelle statali
LA RIFORMA

Pensioni, ai regionali 20% in meno
Saranno uguali a quelle statali

di
Ecco il progetto di riforma inserito nella Finanziaria. E i prepensionamenti d’ora in poi scatteranno d’ufficio. Previsto un risparmio di 25 milioni in tre anni. Chi lascerà il lavoro perderà il 20% dell’assegno. Si teme una fuga dagli uffici prima del varo della legge

PALERMO. «La misura dei nuovi trattamenti pensionistici attribuiti ai dipendenti regionali e degli enti collegati non può superare l’importo calcolato secondo la disciplina statale in materia, avuto riguardo al trattamento economico complessivo lordo annualmente corrisposto agli interessati»: eccolo il testo della riforma delle pensioni che l’assessore all’Economia, Alessandro Baccei, ha inserito nella sua bozza di Finanziaria.

Poche righe che cambiano profondamente il sistema e rischiano di dare il via da qui ad aprile - quando la manovra entrerà in vigore - a una fuga per evitare la tagliola. Tradotto in soldoni, secondo i calcoli fatti dal Fondo pensioni regionale e inseriti dallo stesso Baccei nella relazione che accompagna il testo, la riforma provocherà per i nuovi pensionati una perdita che oscilla fra il 15 e il 20% a seconda di anzianità e qualifica. E la Regione risparmierà nel prossimo triennio 25 milioni.

La riforma ha una anomala formulazione per provare a evitare il rischio di incostituzionalità, sempre presente quando si parla di rivedere norme pensionistiche con effetto retroattivo. In realtà - spiegano i tecnici - la riforma non cancella nessuna delle (più favorevoli) norme regionali ma si limita a introdurre un tetto di natura economica: ogni regionale che va in pensione non può prendere più di quanto prenderebbe uno statale nella stessa posizione. In questo modo i regionali perdono una quota della pensione calcolata ancora oggi col più vantaggioso metodo retributivo.

E anche se rientreranno fra le categorie nazionali che hanno ancora una quota delle pensione calcolata col retributivo, questa a livello nazionale tiene conto non dell’ultima busta paga ma della media degli ultimi dieci anni: dunque il regionale perderà soldi anche da questo punto di vista.

L'ARTICOLO INTEGRALE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X