Domenica, 06 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Al via in Sicilia la campagna "Miseria Ladra" di Libera

Al via in Sicilia la campagna "Miseria Ladra" di Libera

PALERMO. Confisca dei beni sequestrati alla mafia e riuso civile di quelli abbandonati dallo Stato, reddito minimo per condurre una vita dignitosa, politiche economiche di stimolo alla domanda e riforma della Banca Centrale Europea. Sono alcuni dei punti della campagna «Miseria Ladra» promossa da Libera e che lunedì prossimo prenderà il via in Sicilia dalla provincia di Agrigento.
A bordo di un furgone saranno percorsi oltre 900 chilometri lungo cinque province e otto diverse piazze. In ogni tappa (Favara, Raffadali, Castelvetrano, Campobello di Mazara, Marsala, Vittoria, Canicattini Bagni, Leonforte) si terrà un confronto con cittadini e associazioni impegnate sui temi della nuove povertà e del contrasto civile a mafie e corruzione. Emergenza abitativa, salvaguardia e tutela dei beni comuni ed in particolare di quelli confiscati alle criminalità organizzate, mancato accesso all'istruzione pubblica, disoccupazione e mortalità imprenditoriale, discriminazioni razziali. Questi sono alcuni degli argomenti della campagna presentata anche ai candidati alle elezioni europee a Roma e che in Sicilia, nelle intenzioni degli organizzatori, a votazioni concluse, sarà oggetto di ulteriore discussione e  impegno condiviso con  istituzioni,  politica, organizzazioni sociali e comunità locali. Il dettaglio delle tappe dell'intero tour siciliano potrà essere seguito in diretta sui profili twitter e facebook di Libera Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X