Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Cultura Cinema Le lacrime di Alec Baldwin in tv: «Non ho premuto quel grilletto»
INTERVISTATO DALLA ABC

Le lacrime di Alec Baldwin in tv: «Non ho premuto quel grilletto»

di
Ha detto anche di non aver idea di come la pallottola vera possa essere arrivata sul set. Poi si è commosso nel ricordare la direttrice della fotografia uccisa: «Tutti volevano bene ad Halyna, tutti la ammiravano. Ancora oggi non mi sembra vero»
Alec Baldwin, Sicilia, Cinema
Alec Baldwin intervistato da George Stephanopoulos su Abc News

È sempre più fitto il giallo su quanto accadde sul set del film «Rust» lo scorso ottobre, quando da una Colt vintage impugnata dall’attore Alec Baldwin è partita la pallottola che ha ucciso la direttrice della fotografica Halyna Hutchins e ferito di striscio a una spalla il regista Joel Souza.

«Il grilletto non è stato premuto. Io non ho premuto il grilletto», ha detto Baldwin, visibilmente emozionato, in un’intervista con George Stephanopoulos sulla Abc, che ha anticipato qualche momento. «No, no, no, no. Non avrei mai puntato un’arma contro qualcuno e poi premuto il grilletto», ha aggiunto l’attore quando gli è stato chiesto perché aveva sparato quando quel gesto non era previsto nella sceneggiatura.

«È stata l’intervista più intensa in 20 anni con la Abc», ha detto Stephanopoulos. Era la prima volta che Alec Baldwin si sedeva con un giornalista per ricostruire la tragedia del film di cui, oltre che protagonista è anche produttore, ma anziché chiarire i dubbi, il racconto del divo ha aperto nuovi interrogativi. È stato un malfunzionamento dell’arma? Ci si chiede ora. Ma di certo le parole di Baldwin aggiungono interrogativi agli interrogativi. Già c'era il mistero della pallottola vera finita tra quelle di plastica nel caricatore della Colt usata nel film. A caldo l’assistente alla regia Dave Halls (che già due anni fa era stato cacciato da una produzione per un problema con le armi) aveva detto alla polizia di non aver controllato tutti i proiettili di quel maledetto revolver che, a quanto pare, nei giorni precedenti alla tragedia, era stato usato da membri della troupe per fare il tiro a segno con le lattine. Oggi, dopo le dichiarazioni di Baldwin, Halls è sceso di nuovo in campo confermando, attraverso un avvocato, che per tutto il tempo Baldwin aveva il dito fuori dall’area grilletto: «Lo teneva parallelo al tamburo. Halls mi ha detto fin dal primo giorno di aver pensato a un malfunzionamento», ha detto il legale.

Baldwin ha detto alla Abc di non aver idea di come la pallottola possa essere arrivata sul set. Commosso fino alle lacrime, l’attore ha confessato che continua a ripensare agli eventi di quel tragica giornata: «Tutti volevano bene ad Halyna, tutti la ammiravano. Ancora oggi non mi sembra vero», ha aggiunto scoppiando in lacrime. Prosegue intanto l’inchiesta: due giorni fa l’ufficio dello sceriffo di Santa Fe ha detto di aver probabilmente rintracciato la fonte del proiettile killer presso un armaiolo di Albuquerque, Seth Kenney, che ha legami con il padre di Hannah Gutierrez Reid, la specialista in armi della produzione. Secondo lo sceriffo, Halls e la Gutierrez Reid «restano ovviamente al centro delle indagini».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X