Venerdì, 09 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Urna fortunata per le italiane, ecco tutte le rivali nelle coppe europee
A NYON

Urna fortunata per le italiane, ecco tutte le rivali nelle coppe europee

champions league, conference league, europa league, Sicilia, Calcio
L'Inter affronterà il Porto

Sorteggio benevolo per le tre squadre italiane approdate agli ottavi di finale di Champions League che hanno evitato lo spauracchio delle big europee: Eintracht Francoforte per il Napoli, il Tottenham di Antonio Conte per il Milan, il Porto di Sergio Conceicao per l’Inter.

I sorteggi di Champions

Alla squadra di Spalletti, l’unica passata come prima, l’urna di Nyon ha riservato i tedeschi vincitori della passata edizione dell’Europa League che sono riusciti a qualificarsi da secondi nel pazzo Gruppo D, quello deciso tutto all’ultima giornata. Nella fase a gironi la squadra di Oliver Glasner ha ottenuto tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, segnando sette gol e subendone otto. Un avversario abbordabile e assolutamente alla portata della squadra di Luciano Spalletti, che oltretutto avrà la possibilità di giocare il ritorno in casa nell’infuocato stadio Diego Armando Maradona. In Bundesliga i bianconeri si trovano momentaneamente al quinto posto a -5 dalla vetta occupata dal Bayern Monaco.

Nello stesso girone del Francoforte, ma in prima posizione, è passato anche il Tottenham di Antonio Conte che sarà il prossimo avversario del Milan di Stefano Pioli. L’allenatore pugliese, ex Juve ed Inter, tornerà quindi a San Siro in quello che per lui sarà una sorta di derby. Gli inglesi hanno chiuso la prima fase con una sola sconfitta sul campo dello Sporting Lisbona, vincendo invece tre volte e pareggiando due. Ovviamente il pericolo principale per i rossoneri sarà Harry Kane, bomber degli Spurs e attaccante che può spostare gli equilibri in qualsiasi modo, seppur fermo solo ad un gol in questa edizione della Champions. Tra gli altri, i rossoneri dovranno fare attenzione anche a Son, oltre che alle vecchie conoscenze del calcio italiano cone l’ex interista Perisic, e gli ex juventini Kulusevski e Bentancur.

Infine, l’Inter affronterà il Porto, arrivato primo al fotofinish nel Gruppo B lasciandosi alle spalle Club Brugge, Bayer Leverkusen e soprattutto Atletico Madrid, sorpresa in negativo di questa Champions. I portoghesi di Sergio Conceicao hanno conquistato 12 punti in virtù di 4 vittorie, arrivate consecutivamente dopo le iniziali due sconfitte. Un percorso quindi in crescendo quello dei ‘dragonì, in cui si è preso la scena in modo particolare Mehdi Taremi. L’attaccante iraniano finora ha messo a segno 5 gol in Champions, alla pari di due mostri come Erling Haaland e Robert Lewandowski. Il Porto però è anche carattere, personalità ed organizzazione di squadra e ha buoni precenenti con le squadre della Serie A: nel 2019 eliminò la Roma agli ottavi di Champions (3-1 ai supplementari nel ritorno in casa), nel 2020 i biancoblu fecero fuori la Juventus sempre agli ottavi, l’anno scorso invece eliminarono la Lazio nei playoff di Europa League. Adesso tocca all’Inter sfatare il tabù. Le partite si giocheranno scaglionate con l’andata tra il 14, 15, 21 e 22 febbraio (due gare in ognuna delle giornate), e ritorno il 7, 8, 14 e 15 marzo.

I sorteggi di Europa League

Juventus e Roma possono sorridere dopo i sorteggi di Europa League. Bianconeri e giallorossi affronteranno rispettivamente Nantes e Salisburgo negli spareggi per la qualificazione agli ottavi di finale. Dopo aver disputato una delle fasi a gironi di Champions League più negative della propria storia, la Vecchia Signora proverà a riscattarsi nella seconda competizione europea per importanza. Evitato il pericolo Manchester United (che affronterà il Barcellona), la squadra di Max Allegri avrà tutti i favori del pronostico con la formazione francese, quintultima in Ligue 1 e capace di chiudere al secondo posto il Gruppo G di Europa League, con 3 vittorie e 3 sconfitte.  I bianconeri ritroveranno poi tutti i grandi assenti dell’ultimo periodo e per questo partono con un piede avanti rispetto al Nantes. Tra tutte le avversarie che poteva invece pescare la Roma, il Salisburgo è certamente una delle più abbordabili. Scampati i pericoli spagnoli rappresentati da Barcellona e Siviglia, la squadra di Mourinho se la vedrà con gli austriaci giunti terzi nel Gruppo E di Champions League (quello del Milan), con una sola vittoria conquistata in sei partite. Okafor e Adamu saranno gli attaccanti da tenere sott’occhio, attenzione anche al giovanissimo Sesko, ma in generale i capitolini dovranno fronteggiare una squadra molto aggressiva e grintosa. Da evitare quindi le disattenzioni come quella di Ibanez che ieri è costata una sconfitta nel derby con la Lazio. Intanto però la Roma sorride, considerando anche i futuri rientri importanti di giocatori come Dybala e Wijnaldum.

Le avversarie in Conference League

Saranno Cluj e Braga gli avversari di Lazio e Fiorentina negli spareggi di Conference League. Due incroci assolutamente alla portata per le due formazioni italiane, con i biancocelesti che ritroveranno i rumeni a distanza di tre anni dall’ultima volta. Nella stagione 2019/2020, infatti, i capitolini affrontarono il Cluj nella fase a gironi dell’Europa League, perdendo 2-1 in trasferta e vincendo 1-0 all’Olimpico. La formazione di Dan Petruscu si è qualificata come seconda nel Gruppo G di Conference, chiudendo con tre vittorie, un pareggio e due sconfitte ad un solo punto dal Sivasspor. I rumeni di certo non sono più la squadra ostica di qualche anno fa, che fece anche una discreta figura in Champions League, quindi gli uomini di Sarri hanno tutte le carte in tavola per qualificarsi agli ottavi dopo la cocente eliminazione dall’Europa League.

La Fiorentina invece se la vedrà con il Braga, retrocessa dall’Europa League dopo il terzo posto nel Gruppo D alle spalle di Royale Union ed Union Berlino. I portoghesi ritroveranno un’italiana a distanza di due anni: nel febbraio 2021, infatti, i biancorossi affrontarono la Roma di Paulo Fonseca nei sedicesimi di Europa League, perdendo sia all’andata (0-2) che al ritorno (3-1). Stavolta in Conference contro il Braga ci saranno i Viola, sicuramente un passo avanti a livello di qualità singole e di squadra. Dopo il secondo posto nel Gruppo A, chiuso però a pari punti con il Basaksehir, la squadra di Italiano vuole continuare a togliersi soddisfazioni a livello europeo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X