Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Juve in affanno e con il problema Szczesny: la Champions può essere un rivitalizzante
LA SIGNORA IN CRISI

Juve in affanno e con il problema Szczesny: la Champions può essere un rivitalizzante

Martedì 14 settembre l'esordio nella competizione sul terreno di gioco del Malmoe dopo le due sconfitte consecutive in campionato
champions league, Massimiliano Allegri, Paulo Dybala, Wojciech Szczęsny, Sicilia, Calcio
Koulibaly insacca la rete del 2-1 per il Napoli, dopo la respinta di Szczesny

Massimiliano Allegri non fa drammi, ma il terzo passo falso consecutivo della sua Juventus comincia a preoccupare. E, dopo 180 minuti di campionato, continuano a crescere i dubbi invece di aumentare le certezze.

«Paghiamo ogni minimo errore, ma questo è un gruppo destinato a crescere e che recupererà il terreno perduto»: l’ottimismo del tecnico dopo che a Napoli ha collezionato la seconda sconfitta consecutiva dopo il clamoroso tonfo interno contro l’Empoli prima della sosta e il deludente pari di Udine nonostante il doppio vantaggio. La classifica mette già i brividi: la squadra di Spalletti, il Milan e la Roma sono a +8.

Il campionato è iniziato nel peggiore dei modi, adesso è già ora di pensare alla Champions League. Domani sarà giornata di rifinitura alla Continassa, poi il trasferimento in Svezia e martedì 14 settembre l’esordio in casa del Malmoe, la squadra più abbordabile del girone che comprende anche Chelsea e Zenit San Pietroburgo. «Testa alla Champions, poi penseremo alla prossima di campionato», il messaggio di Allegri alla truppa bianconera. E diventa inutile sottolineare l’importanza dell’appuntamento, tra la necessità di voltare pagina e l’obbligo di partire con il piede giusto nella competizione.

Il gruppo, intanto, si sta ricompattando: i sudamericani hanno ripreso a lavorare con il resto della squadra, per Cuadrado, che su Instagram ha pubblicato una foto in cui sorride con la sua famiglia, si attendono ancora notizie dalla Colombia circa i problemi gastrointestinali che lo hanno bloccato in patria. Dybala punta a ritrovare un posto nell’attacco bianconero, poi vanno valutate le condizioni dell’acciaccato Chiesa e lo stato di forma degli altri giocatori tornati dai viaggi intercontinentali.

Nella lente d’ingrandimento, però, è finito ancora una volta Szczesny: un altro errore grave da parte del portiere polacco, che già a Udine aveva spianato la strada ai friulani verso la rimonta con due disattenzioni imperdonabili. «Ha parato poco e niente, è un grande portiere ed è il titolare della Juve: c’è stata quella palla che gli è sfuggita ma martedì sarà ancora in porta e farà bene», le parole con cui Allegri ha precisato come le gerarchie tra i pali bianconeri non verranno ribaltate nemmeno dopo Napoli. Dopo i dubbi emersi nella passata stagione, con gli errori in Champions contro il Porto che tra andata e ritorno compromisero in maniera determinante il cammino in coppa, Szczesny non è ancora riuscito a riscattarsi definitivamente. E, anzi, tra i tifosi aumentano i giudizi negativi sul polacco. Il nuovo esame sarà in Svezia, poi il big-match del prossimo turno di campionato contro il Milan.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X