Mercoledì, 19 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio L'Inter soffre col Cagliari ma vince in rimonta
SERIE A

L'Inter soffre col Cagliari ma vince in rimonta

cagliari, inter, SERIE A, Sicilia, Calcio
Sottil giocatore del Cagliari

L’Inter soffre ma torna da Cagliari con tre punti d’oro. La squadra di Conte si è imposta per 3-1, in rimonta, grazie ai gol nella ripresa dell’ex di turno, Niccolò Barella, di Danilo D’Ambrosio, entrato da pochi minuti, e di Romelu Lukaku, al 95esimo in contropiede. Il gol del momentaneo vantaggio dei sardi era arrivato a pochi minuti dalla fine del primo tempo con una pregevole girata di Andrea Sottil.

Dopo le polemiche legate all’eliminazione dall’Europa, il "piano B" di Antonio Conte funziona e porta tre punti. L’Inter passa in svantaggio contro il Cagliari nel primo tempo, cambia modulo nel finale di gara e conquista la rimonta fino al 3-1 definitivo grazie alle reti di Barella, D’Ambrosio e Lukaku. La partita segue l’andamento della prestazione di Alessio Cragno: perfetto nel primo tempo, poco attento nella ripresa. E l'Inter ne approfitta siglando la quarta vittoria consecutiva in campionato. La prima occasione da gol per i nerazzurri nasce da un errore in disimpegno di Carboni: Eriksen serve Lukaku ma il mancino del belga è deviato in tuffo da Cragno che si ripete subito dopo sul tiro a botta sicura del danese. Si tratta del primo miracolo di una lunga serie del primo tempo magico del portiere. Al 14' l’estremo difensore classe 1994 è ancora determinante: Lukaku si defila e calcia col destro, Cragno si distende e neutralizza il diagonale. Un minuto dopo l’ex Everton veste l’abito di uomo assist: cross dalla destra, Alexis Sanchez di testa schiaccia ma Cragno è ancora una volta insuperabile.

Tutt'altro che insuperabile è Handanovic che subisce gol al primo tiro in porta del Cagliari: al 42' Sottil sfrutta un campanile scaturito da una precedente conclusione e trova l’angolo vincente da posizione impossibile con un mancino al volo che lascia di stucco lo sloveno. L’Inter subisce il contraccolpo e al 46' rischia di subire addirittura il 2-0: Zappa effettua un tiro cross e da due passi Pavoletti in spaccata calcia tra le braccia di Handanovic. Nella ripresa Conte rivoluziona la squadra: fuori Darmian, Perisic, Eriksen e dentro Hakimi, Sensi e Young. La prima chance del secondo tempo è per l’esterno inglese che accompagna un contropiede di Sanchez e lascia partire un diagonale destro che trova attento il solito Cragno. Ma al mezz'ora della ripresa Conte cambia modulo: fuori Bastoni, dentro Lautaro. E al 77' il portiere sardo non può nulla per evitare il pareggio: sugli sviluppi di un corner, Cragno smanaccia lontano dalla porta, Barella si coordina e al volo firma il gol dell’1-1. E all’84' c'è la rimonta: il solito Barella si incarica di un cross dalla destra, D’Ambrosio sfrutta l’uscita incerta di Cragno e di testa fa 2-1. Ma non è finita: al 94' Cragno sale su calcio d’angolo offensivo e subisce il poker di Lukaku che parte in solitaria e deposita in rete. L'Inter sorride dopo la brutta pagina europea di mercoledì.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X