Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'UDIENZA

Droga nella Trapani bene, così si vendeva la cocaina ai professionisti

di
droga, Sicilia, Archivio

Hashish e cocaina vendute per rifornire la Trapani bene. Si sono concluse le indagini coordinate dalla Dda di Palermo e condotte dalla Polizia di Trapani sulla banda di spacciatori che per migliaia di euro vendevano droga nei salotti della città a noti professionisti.

La banda faceva capo a Massimiliano Voi e Mariano Galia individuati come gli organizzatori della compravendita delle dosi reperite nel Trapanese, nel Palermitano ma anche nel Campano e nel Calabrese. Fitta la rete su cui si basava l'organizzazione: c'era chi si occupava del reperimento dei clienti come Antonio Voi, figlio di Massimiliano, e poi c'erano Giuseppe Rinaudo e Annibale Baiata, gli autisti che si occupavano del trasferimento dei venditori direttamente nei salotti dei clienti.

Indagato anche Luigi Parolisi ritenuto tra i maggiori fornitori di hashish e cocaina. Nella banda compaiono poi i nomi di due donne:  Giuseppa Costa e Maria Papa che guidavano i mezzi durante una trasferta in Calabria. Tra i clienti di maggiore spicco anche il notaio Francesco Di Natale che avrebbe acquistato, secondo le indagini, per sette volte dalla banda. La prima vendita è datata 11 luglio 2014, mentre l'ultima sarebbe avvenuta il 06 giugno 2015.

Per il 22 gennaio è fissata l’udienza preliminare per i componenti della banda. In quell’occasione il giudice dovrà pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura nei confronti dei quattordici indagati.

Il sodalizio venne smantellato, nel novembre del 2014, dagli agenti della Squadra mobile, coordinati dalla Dda di Palermo.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X