Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL FUTURO

Giorni decisivi per il Milan: attesa per l'Europa League, ma il mercato va avanti

Milan, tas, uefa, Sicilia, Archivio, Calcio
Paolo Maldini

Inizio d'estate caldo per il Milan che da un lato, resta appeso tra Uefa e Tas e dall'altro va a Madrid per una missione 'Real'. Se da una parte i rossoneri continuano ad attendere una comunicazione ufficiale sul 'consent award' per capire se parteciperanno o meno alla prossima Europa League, dall’altra la dirigenza al gran completo - capitanata dal dt Maldini e dal Cfo Boban - è in queste ore in Spagna per un incontro esplorativo con il direttore sportivo degli spagnoli, Josè Angel Sanchez: il Real infatti, dopo aver speso oltre 300 milioni sul mercato e nonostante la cessione di Marcos Llorente all’Atletico, è in 'overbooking', con giocatori in esubero - Ceballos su tutti ma la valutazione è di 50 milioni - soprattutto a centrocampo, il reparto dove il Milan sta concentrando i propri sforzi economici principali.

Presto verranno annunciati Ricky Massara come nuovo ds, Maurizio Ganz come tecnico del femminile e Angelo Carbone come responsabile del vivaio, ma l’attenzione è tutta rivolta alla telenovela con la Uefa, con un verdetto che continua a slittare e a tenere in scacco anche Roma e Torino. Secondo fonti vicino al club rossonero, ci sarebbero dei 'tempi tecnicì e dei 'passaggì da rispettare davanti al Tas, dove oggi erano in programma due udienze ma non quella tra gli avvocati del Milan e i funzionari della Camera Giudicante della Uefa.

La comunicazione del Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna potrebbe essere quindi "questione di giorni" e non più di ''ore", come filtrava ad inizio settimana.

Una situazione grottesca nella quale, però, il Milan non vuole farsi trovare impreparato: dopo aver acquistato Krunic dall’Empoli (8 milioni più 2 di bonus) e raccolto in sede informazioni per Sensi (Sassuolo), Diawara (Napoli), Torreira (Arsenal) e Veretout (Fiorentina), Boban e Maldini cercheranno di capire in prima persona se il Real Madrid offrirà una sponda utile sul mercato. E mentre Giampaolo incassa il primo messaggio social del Ministro degli Interni Matteo Salvini (''Benvenuto Mister, col Milan sempre nel cuore"), lo stesso Boban - intercettato fuori dal suo albergo nella notte di ieri - si lascia andare ad una semplice considerazione: "Speriamo di fare un Milan più forte rispetto a prima". Il minimo sindacale per puntare ad un posto in Champions League. ANSA

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X