Venerdì, 27 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rebus sul bilancio alla Regione, ottocento milioni di spese in meno rispetto al 2014
I NODI DELLA SICILIA

Rebus sul bilancio alla Regione, ottocento milioni di spese in meno rispetto al 2014

di
A rischio restano parte dei fondi per i precari degli enti locali, forestali, per i comuni e per gli enti regionali

PALERMO. Un’altra giornata a Roma senza che sia maturato uno straccio di accordo. Alle 18 di ieri Crocetta ha ripreso l’aereo per Palermo annunciando che il tempo dell’attesa è finito: «Con o senza aiuti statali, mercoledì porto il bilancio in giunta. Ci saranno dei tagli e la responsabilità sarà del governo nazionale. I siciliani capiranno».

È la linea del Piave che il presidente della Regione è costretto a oltrepassare verso un terreno minato: nella migliore delle ipotesi sarà costretto a ridurre le spese di 800 milioni rispetto al 2014. I tavoli romani attivati da due mesi non sono arrivati a una conclusione. L’assessore all’Economia, Alessandro Baccei, ormai unico interlocutore del governo nazionale, continua a dirsi sicuro di poter contabilizzare due miliardi. Ma di fronte a un buco che è stimato in almeno 3,2 miliardi, le difficoltà emergono con tutta la loro evidenza. I tagli inseriti in Finanziaria, da approvare faticosamente all’Ars, permetteranno di risparmiare non più di 150 milioni. Il resto verrà recuperato riducendo vari capitoli del bilancio.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola

Per accedere al giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X