Sabato, 29 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Caltanissetta, niente acqua ai morosi

Caltanissetta, niente acqua ai morosi

CALTANISSETTA. Ci sarà solo una breve pausa a cavallo di Ferragosto giusto il tempo delle ferie per i dipendenti e per far "respirare" qualche utente moroso. Poi la campagna dei tagli avviata da Caltaqua riprenderà con i ritmi attuali (cinquanta distacchi giornalieri di contatori) anzi a quanto sembra verrà ulteriormente inasprita. La società spagnola, che gestisce distribuzione e reti idriche interne grazie ad una convenzione trentennale intende così azzerare, o quantomeno limitare, un insoluto imponente. Vita dura, dunque, per chi si ostina a evadere il tributo per i consumi che - si è scoperto qualche giorno addietro - è fra i più alti d'Italia. In questi giorni ai nisseni stanno arrivando le bollette per il terzo trimestre 2013 (la scadenza è fissata fra il 29 e il 31 agosto) ma Caltaqua prosegue imperterita la caccia agli evasori quasi tutti concentrati nel capoluogo e a Gela. Punte alte di morosità (a volte anche del 20 per cento) anche a San Cataldo, Sommatino, Mussomeli e Niscemi. L'incidenza per le casse esangui della società spagnola è notevole; si parla di una decina di milioni mancanti all'appello e il recupero sta obbligando a procedere a una massiccia campagna di tagli che colpisce campagne e centri abitati. Le squadre di Caltaqua vanno scoprendo piccoli e grandi abusi soprattutto nei quartieri del centro storico nisseno, con utenti attaccati direttamente alla rete a «succhiare» indebitamente acqua senza ovviamente pagare il tributo. Ma le scoperte più amare per Caltaqua arrivano dalle campagne dove si contano a decine gli allacci abusivi con rudimentali by-pass dove «transitano» quantitativi enormi di acqua. Un malcostume diffuso, difficile da contenere, malgrado controlli e denunce dei carabinieri pure impegnati su questo versante. Fra le utenze da disattivare, in questo fase, non rientrerebbero gli edifici Iacp (e fra questi anche gli alloggi parcheggio di via De Gasperi e via Gentile) dove l'evasione del tributo idrico sembra quasi la regola. Sotto la lente d'ingrandimento di Caltaqua l'ultimo trimestre 2012 e il primo dell'anno in corso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X