Domenica, 29 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ex manager dovrà risarcire l’Asp

Ex manager dovrà risarcire l’Asp

La corte dei conti ha emesso sentenza d’appello a carico di Corrado Failla, a capo della struttura sanitaria tra il 2004 e il 2006
Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA. Dovrà risarcire l’Azienda sanitaria per almeno settantamila euro: i giudici d’appello della corte dei conti, infatti, hanno definitivamente riconosciuto il danno erariale causato, all’ente, dall’ex direttore generale Corrado Failla. Le motivazioni della decisione sono state depositate e, in sostanza, confermano il quadro già delineato dai magistrati della procura generale.
L’errore, fatale, da parte dell’ex manager scaturì dalla nomina dell’ingegnere Vito Galia al ruolo di dirigente del servizio tecnico. Nel febbraio di sei anni fa, infatti, il professionista ottenne l’incarico deciso proprio da Failla ma, solo quattro mesi dopo, gli spettò un’immediata progressione: passando da dirigente neo assunto a dirigente di struttura complessa. Scelta che, inevitabilmente, fece lievitare i compensi dovuti all’ingegnere Galia. Il dito dei magistrati della procura, così, venne puntato sulla decisione assunta dal direttore generale dell’azienda sanitaria. Stando all’accusa, la modifica dell’inquadramento decisa da Failla non avrebbe avuto alcun fondamento giustificativo. Nello stesso settore, infatti, c’era già un altro dirigente di struttura complessa con le stesse funzioni. Neanche il carico di lavoro svolto dal funzionario, si legge nella sentenza, poteva assicurare la progressione. In sostanza, si venne ad aprire una duplicazione di ruoli e indennità nel medesimo settore. Già nel gennaio dello scorso anno, i giudici contabili riconobbero le responsabilità amministrative dell’ex manager dell’Asp che, in ogni caso, scelse di impugnare la decisone. Mossa analoga a quella dei magistrati della procura che, dopo la pronuncia della sentenza, ritennero troppo basso il compenso, dovuto a titolo di risarcimento danni, imposto al dottore Failla. I giudici d’appello, in ogni caso, hanno confermato in toto il verdetto emesso dai loro colleghi di primo grado. Non ci sarebbe stata alcuna motivazione idonea a giustificare la scelta, scattata a distanza di soli quattro mesi dalla nomina, di promuovere l’ingegnere Galia da dirigente neo assunto a dirigente di struttura complessa. In base alle motivazioni depositate, il ruolo assunto dal professionista non avrebbe dovuto, in alcun modo, far scattare la progressione e, di conseguenza, l’aumento di retribuzioni. Adesso, dovrà essere proprio l’ex direttore generale a riparare il danno causato: un buco che, dopo l’addio di Failla, venne messo in luce dai suoi successori Ettore Costa e Paolo Cantaro. La corte, inoltre, non ha ammesso la rischiesta della procura generale di aumentare la somma dovuta dal dirigente: sono stati confermati i circa settantamila euro previsti già nella sentenza dello scorso anno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X