Lunedì, 10 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Analisi e commenti

Home Analisi e commenti Il tetto agli stipendi dei dipendenti Ars, frenesia che non convince
L'ANALISI

Il tetto agli stipendi dei dipendenti Ars, frenesia che non convince

di

Lo aveva detto quando la sua elezione a presidente dell’Ars era ancora di là da venire. Lo ha ribadito (già più volte) a elezione avvenuta. Non ci convince la frenesia con cui Gianfranco Miccichè tiene a sottolineare che il tetto agli stipendi dei dipendenti di Palazzo dei Normanni è destinato allo scoccare del nuovo anno a finire nel dimenticatoio.

Appare un modo troppo sbrigativo e quasi infastidito di liquidare con un’alzata di spalle il risultato di una battaglia di grande valore e opportunità istituzionale, ampiamente sollecitata da questo giornale e condotta in porto dalla precedente assemblea regionale.

Cosciente che era doveroso lanciare un chiaro segnale, almeno etico e morale, in un momento di grave contingenza generale in cui l’opinione pubblica non solo locale ritiene inaccettabili e ingiustificabili certi livelli di retribuzione dell’alta burocrazia siciliana, che non trova riscontri nel confronto con le altre amministrazioni regionali e perfino ministeriali (le cronache nazionali ne hanno fatto ormai da tempo un consolidato e inconfutabile tormentone).

L’accorata e approfondita lettera aperta firmata ieri su questo giornale da don Cosimo Scordato e don Francesco Romano merita almeno un supplemento di riflessione in più (magari affidato all’intero parlamento e non all’orientamento espresso dal solo presidente). Così come maggiore cautela e prudenza istituzionale meriterebbe forse il continuo riferimento alla possibilità di integrare con nuove figure esterne l’attuale burocrazia assembleare che, a detta di Miccichè, «non ha l’esperienza giusta» ed è «fortemente deficitaria».

Non un bel attestato di stima all’articolata e ricca dotazione organica dell’Ars. Chissà, magari parzialmente compensato proprio dalla acclarata voglia di cancellare al più presto quei tetti ai superstipendi dei superburocrati. Per Miccichè non troppo super. Né i primi, né i secondi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X