Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Analisi e commenti

Home Analisi e commenti «Il bluff del califfo dare l’impressione che esista davvero lo Stato islamico»
GUERRA ALL'ISIS

«Il bluff del califfo dare l’impressione che esista davvero lo Stato islamico»

di
Il giurista Cherif Bassiouni: «Sbagliato parlare di un conflitto religioso tra gli sciiti e i sunniti è solo scontro di interessi»

«Anche se si presentano come Stato Islamico, Stato non sono. È in dubbio l’ampiezza del territorio, peraltro quasi tutto desertico. Sono in dubbio pure i numeri della popolazione e dell’esercito. E gli stessi elementi oggi a loro vicini in Iraq e Siria sono soltanto alleati di convenienza, pronti a cambiare idea domattina com’è sempre stato nella tradizione tribale araba». Cherif Bassiouni, egiziano di origini ma americano di adozione, professore emerito di Diritto nell’Università di Chicago e presidente dell'Istituto superiore internazionale di Scienze criminali a Siracusa, ridimensiona decisamente il «fenomeno Is».

Già alla guida delle commissioni istituite dall’Onu per indagare sui crimini contro l’umanità in Libia, Afghanistan, Bahrein e nella ex Jugoslavia, Cherif Bassiouni avverte: «L’obiettivo di Al-Baghdadi (il califfo di Is, ferito in un recente raid americano, ndr) è proprio quello di dare l’impressione che loro sono una nazione e, quindi, di imporre alla comunità internazionale la propria esistenza. Ma i fatti non stanno così».
Malgrado tutto, l'Is è riuscito a costruire nelle aree conquistate un sistema complesso, gerarchizzato, di governo della popolazione. Un temibile salto di qualità rispetto a gruppi come al-Qaeda ?
«Al-Qaeda non è mai stata un’organizzazione. I servizi segreti di tutto il mondo hanno sbagliato a concepirla così. Piuttosto, puntava a formare terroristi in Afghanistan e creare un sistema internazionale di networking. Al-Bagdadi ha capito che questa soluzione non vale più, che è superata. Lui, comunque, ha solamente sviluppato un’idea nata altrove».
Cioè?
«Quando si pose la questione della crisi irachena, la destra filoisraeliana americana concepì la divisione di quel Paese in tre nazioni: sciita, sunnita e curda. Adesso, questo stesso discorso viene riportato in Siria. A questo punto, uno come al-Baghdadi ritiene che esista spazio per un altro Stato in Iraq e Siria. Questo pensiero, dunque, non viene dal mondo arabo ma da fuori».

L'INTERVISTA INTEGRALE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

 

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X