Domenica, 17 Febbraio 2019
DALL'OSPEDALE

Manuel Bortuzzo: "L'ambiente del nuoto? Una famiglia, ora mi ispiro a Bebe Vio"

Sicilia, Sport
Manuel Bortuzzo

"Per ora penso di tornare a casa il più presto possibile, e stare sempre meglio. A migliorare ogni giorno, sempre di più, fisicamente". In un’intervista al Corriere della Sera, Manuel Bortuzzo parla di come è cambiata la sua vita dal letto d’ospedale al San Camillo. E di quanto senta vicino tutto l’ambiente del nuoto.

"E' diventato come una famiglia, la nostra famiglia. Mi chiedono ancora come sia possibile tutto questo. Mi vogliono bene dappertutto, è una sensazione bellissima. Li ringrazio tutti. Ad esempio ho saputo che a Mestre i ragazzi in gara hanno indossato delle magliette con la mia faccia. Ci sono persone che non mi conoscono, ma che mi dicono 'ti voglio bene'. E mi considerano un punto di riferimento. Non so spiegarmelo, ma so che è bello, molto bello".

"Sono sempre stato appassionato di nuoto - racconta -. Non mi ricordo davvero quando è iniziata. Forse ho capito che faceva davvero per me guardando mia sorella Michelle che già andava in piscina. E da allora non mi sono più fermato".

Un campione di riferimento? "Non so perchè, ma in questi giorni la prima persona che mi è venuta in mente è stata Bebe Vio...".

La sera dell’agguato? Il proiettile che lo ha colpito "per sbaglio"? "Ricordo tutto di quella scena - spiega - almeno fino a quando ho avvertito il dolore". I due che hanno sparato? "Non li conosco. Solo dopo, quando mi sono risvegliato in ospedale, mi hanno raccontato che fanno parte di una gang, che ci sono di mezzo pugili e malavita, la mafia". Ma di loro "non mi importa proprio niente, adesso devo pensare ad andare avanti per la mia strada".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X