Venerdì, 22 Febbraio 2019
A CHE TEMPO CHE FA

Dalla Tav ai fondi della Lega, Di Battista apre la sfida per le europee: "Ma non mi candido"

Alessandro Di Battista inizia la sua campagna elettorale a fianco del suo amico Luigi Di Maio per accompagnare il M5s alle europee e ribaltare i rapporti di forza che, allo stato, dividono i 5 Stelle dalla Lega.

Torna in Tv, a Che tempo che fa su Rai 1, e non risparmia scaramucce in direzione dell'alleato di governo che ogni giorno gli rosicchia pezzi di consenso. "Non credo ai sondaggi e poi non è detto che alla fine i rapporti di forza saranno ribaltati" dice in proposito. La sua battaglia, come annunciato, la farà da outsider perché non intende candidarsi: non per questo sarà meno pericoloso per i suoi avversari. Dopo qualche minuto in diretta Tv ha infatti già detto la sua sulla Tav, che "è una stupidaggine e non si farà" e legato la questione a una faccenda di tangenti: ci sarebbero "intercettazioni di 'ndranghetisti per le quali, per come conosco il Paese, non si vuole uscire" dal progetto "perchè qualcuno si è già steccato delle tangenti, che ai tempi attuali hanno la forma più elegante delle consulenze" afferma.

Poi attacca sui fondi scomparsi della Lega: "Vanno restituiti perché sono soldi della collettività" dice a proposito della frode sui 49 milioni del Carroccio. Non basta. Alessandro Di Battista ha anche una sua ricetta per risolvere la questione dei migranti: core business dell'alleato Matteo Salvini. Occorre, dice, salvare i migranti in pericolo sui barconi che si muovono dalla Libia e portarli a Marsiglia perché "fino a che non si crea un incidente diplomatico con la Francia" il problema degli sbarchi "non si risolve".

La questione, ricorda, è più ampia e la declina mettendo insieme l'esperienza fatta durante i suoi numerosi viaggi, non ultimo quello da cui è recentemente tornato in America Latina. "Se non affrontiamo il tema della sovranità monetaria in Africa non ne usciamo" dice ricordando che i paesi africani della zona subsahariana "hanno una moneta stampata dalla Francia. Fino a quando non si toglierà questa manetta nei confronti dei popoli africani possiamo parlare di porti aperti e porti chiusi senza risolvere il problema. Se non ci occupiamo delle cause resteremo nemici dell'Africa".

Concede che sia arduo dire che sia nostra responsabilità la sorte dei migranti naufragati a 60 miglia dalla Libia ma non teme di offendere l'alleato quando accusa: "Dire di aiutarli a casa loro è un'oscenità". Per il resto conferma che resterà per la campagna elettorale al fianco di Di Maio, verso cui vede "molti invidiosi" e anche del ministro Toninelli ("è stato massacrato dal sistema mediatico, ma per me c'è la mano dei Benetton") prima di riprendere il suo viaggio alla volta, questa volta, dell'India: un paese che lo interessa per il rapido sviluppo che sta attuando. "Bollywood è una potenza enorme. Si sono comprati l'Ilva, hanno comprato imprese britanniche: se l'Europa non si unisce - prevede - ci faranno il mazzo..".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X