Domenica, 17 Febbraio 2019

Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop

News
Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop
© ANSA

LONDRA - Niente concessioni alle opposizioni o verso una Brexit più soft, ma la riproposizione del suo piano originario con l'impegno a cercare di aggirare la questione del backstop (il meccanismo vincolante di garanzia teorica imposto dall'Ue per assicurare il confine aperto fra Irlanda del Nord e il Irlanda) in modo da convincere i Tory ribelli brexiteers e gli alleati unionisti nordirlandesi del Dup. E' questo, secondo fonti di Downing Street citate dai media britannici, il 'piano B' che Theresa May si prepara a delineare oggi pomeriggio ai Comuni dopo la sonora bocciatura parlamentare della settimana scorsa, con 230 voti di scarto, dell'accordo di divorzio da lei raggiunto con Bruxelles a novembre.

 

Stando al Daily Telegraph, la premier - dopo aver consultato ieri il suo governo in teleconferenza - scommetterebbe in particolare sulla possibilità di rivedere lo storico accordo di pace irlandese del Venerdì Santo 1998, attraverso negoziati con l'Ue e colloqui diretti con Dublino, in modo da salvaguardare il confine aperto senza dover ricorrere al backstop. Mentre per il Times è già pronta a dichiarare "fallito" il dialogo intavolato in questi giorni con l'opposizione e a darne la colpa al leader laburista, Jeremy Corbyn, che si è rifiutato d'incontrarla di fronte al suo 'no' di togliere dal tavolo a priori ogni ipotesi di una Brexit no deal.

 

Il fronte delle opposizioni e del drappello dei Tory ribelli pro-Remain si dispone da parte sua a darle battaglia con almeno due emendamenti anti-governativi attesi entro stasera. Il primo, promosso dalla laburista Yvette Cooper e da altri, imporrebbe all'esecutivo l'obbligo di chiedere a Bruxelles un'estensione dell'articolo 50, e quindi un rinvio dell'uscita dall'Ue già fissata per i 29 marzo, laddove la premier non fosse in grado di far approvare a Westminster un nuovo piano nel previsto voto del 29 gennaio o comunque al massimo entro il 26 febbraio. Il secondo, concepito da Dominic Grieve, ex ministro conservatore eurofilo, garantirebbe al Parlamento il diritto prioritario di presentare sue proposte sulla Brexit alternative a quelle del governo purché firmate da una minoranza di almeno 300 deputati (su 650) appartenenti a 5 gruppi diversi.

 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X