Martedì, 22 Gennaio 2019
"NO TRIV"

Stop trivelle, manifestazione a Licata. Di Maio: "L’Italia deve produrre il 30% di energie rinnovabili"

di

Cinquemila siciliani circa sono scesi in strada oggi a Licata dire "No" alle trivellazioni. A rendere nota la cifra, il comitato cittadino "No Triv" contro la realizzazione delle trivelle nel mare di Licata e contro gli interessi di sfruttamento delle risorse che Eni ha in tutto il mare siciliano, che ha indetto la stessa manifestazione.

"Trivellazione, miseria e lutto pagherete caro pagherete tutto" hanno urlato i manifestanti.

Nello specifico il progetto “offshore ibleo” contrastato dalla comunità licatese e dai manifestanti tutti, è finalizzato alla riapertura di due giacimenti marini già esistenti posti  a distanza di pochi kilometri dalle coste di Licata, di Palma di Montechiaro e dei popolosi insediamenti costieri.

Nonostante le proteste degli abitanti, la potente multinazionale ha deciso di rendere operativo il progetto ed ha iniziato i lavori senza tenere minimamente conto dell’attuale tessuto economico dell’area, né tanto meno del rischio geologico e ambientale a cui si va incontro.

"Il silenzio del presidente della Regione Nello Musumeci è  gravissimo, egli stesso aveva affermato sia nel corso della campagna elettorale che nei primi mesi del suo insediamento come  tutela dell’ambiente e del territorio fossero obiettivi prioritari della sua politica", dichiara il movimento Antudo.

"Di fronte a tutto questo - continua -, risulta quanto mai necessario riaffermare  che a poter decidere dei territori e cambiarne le sorti è solo chi i territori li abita; i pescatori, i disoccupati, i precari. Tutti coloro che non intendono emigrare, chiunque desideri vivere in un ambiente sano, dignitoso e, per dirla tutta, indipendente dal capitale e dallo Stato Italiano".

E sulle trivellazioni è intervenuto questa mattina il vicepremier Luigi Di Maio a Porto Torres, a Sassari. "La ricetta per uscire dalla crisi - ha affermato - è investire in nuove tecnologie e in energie differenti quindi basta con queste trivelle: dobbiamo portare entro il 2030 l’Italia a produrre il 30% di energie rinnovabili".

"E poi - ha proseguito - dobbiamo necessariamente aumentare le misure di welfare che invece si sono tagliate quindi il reddito di cittadinanza andare in pensione prima e più investimenti nella sanità".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X