Lunedì, 17 Dicembre 2018

Dal 2000 -80% morti di morbillo, ma è boom nel 2017

Salute e Benessere
Dal 2000 -80% morti di morbillo, ma è boom nel 2017
© ANSA

Grazie a una sempre maggiore diffusione del vaccino nel mondo, le morti causate dal morbillo sono diminuite dell'80% in 17 anni, da circa mezzo milione di decessi nel 2000 a 110.000 nel 2017. Ma questi passi avanti vedono anche un preoccupante rallentamento a partire dal 2016: nel 2017 infatti si è registrato un boom con un rialzo del 30% dei decessi a causa della frenata delle vaccinazioni. Si legge nel rapporto 'Progressi verso l'eliminazione del morbillo' pubblicato sulla rivista online dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Secondo il rapporto, a cura del Dipartimento immunizzazioni dell'Organizzazione Mondiale della sanità (Oms), tra il 2000 e il 2017, la copertura stimata della prima dose di vaccino contro il morbillo nel mondo è aumentata dal 72% all'85%. Grazie a questi progressi, l'incidenza annua di casi è diminuita dell'83% (passando da 145 a 25 casi per milione di abitanti). E la mortalità annuale diminuita dell'80%, da 545.174 decessi nel 2000 a 109.638 nel 2017 pari complessivamente a 21,1 milioni di morti evitate, soprattutto in Africa. Tuttavia questi sforzi vedono un preoccupante rallentamento.

La copertura vaccinale dopo anni di crescita è da un paio di anni stagnante e dal 2016, l'incidenza del morbillo è aumentata globalmente e in 5 delle 6 Regioni Oms, in particolare in America, Europa e Mediterraneo Orientale. Tanto che complessivamente dal 2016 al 2017, il numero dei contagi è aumentato del 31%. Inoltre, da luglio 2018, è tornata, in Venezuela, la trasmissione endemica del virus, precedentemente interrotta. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X