Domenica, 16 Dicembre 2018

Attenzione ai denti dei bimbi, possibile campanello d'allarme anche per la celiachia

Salute e Benessere
Attenzione ai denti dei bimbi, possibile campanello d'allarme anche per la celiachia
© ANSA

Se un bambino è celiaco, o predisposto alla malattia, lo si può scoprire anche dalla bocca, e più precisamente dalla salute dei suoi denti. Per questa ragione la salute orale nei piccoli va monitorata con attenzione, per individuare anche particolari segnali che potrebbero indicare un'eventuale intolleranza al glutine. A spiegarlo è Raffaella Docimo, direttore della Cattedra di Odontoiatria pediatrica all'Università Tor Vergata di Roma.

Vari sono i segnali che dovrebbero far suonare un campanello d'allarme: innanzitutto l'alterazione dello smalto, caratterizzato da un più basso rapporto di calcio e fosforo mentre non si rileverebbero differenze nella relazione carbonato-fosfato. Ma non solo, spiega l'esperta: vari studi hanno rilevato come afte ricorrenti, dolore della mucosa linguale, una particolare dermatite detta erpetiforme, o anche una produzione ridotta di saliva, potrebbero essere correlabili alla malattia celiaca. Da non escludere anche un ritardo nello sviluppo delle ossa mascellari e dell'eruzione dentale. Altri segnali, aggiunge, possono essere delle macchie bianche o brune sui denti, solchi e lesioni dello smalto impercettibili ad occhio nudo.

Nella bocca, dunque, "ci possono essere i primi campanelli d'allarme di una malattia celiaca non ancora diagnosticata. Ma la salute orale in età pediatrica - avverte Docimo - non va trascurata anche perchè influenza lo stato di salute generale del bambino".

Eppure, sottolinea, "negli ultimi anni nel nostro Paese si è registrato un minor accesso alle prestazioni odontoiatriche, anche quelle pediatriche, pur essendone aumentata la richiesta. Ciò si deve principalmente a fattori legati alla crisi economica". In tale situazione, diminuisce anche la possibilità di fare prevenzione: "In Italia - ricorda Docimo - nel 2017 milioni di persone hanno dovuto rinunciare alle cure odontoiatriche, e l'offerta pubblica resta carente".

L'appello alle istituzioni, conclude, è dunque ad "una maggiore attenzione a questo ambito, per incentivare cure e prevenzione". 
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X