Sabato, 15 Dicembre 2018

Yorinori, a tutto tartufo gioco di sapori tra Corea e Italia

ROMA - Giochi di sapori tra Corea e Italia oggi a Yorinori, il menu di contaminazioni tra ingredienti, in primis il tartufo bianco di Alba, e tecniche di cottura presentato dagli chef stellati Woojoong Kwon e Riccardo di Giacinto nell'ambito della Korea week, la settimana dedicata alla cultura coreana promossa dall'Istituto Culturale Coreano di Roma, in corso nella Capitale fino al 2 dicembre. ''A Expo - ha detto, nell'incontro a MadeITerraneo, Soomyoung Lee, il direttore dell'Istituto Culturale Coreano - il padiglione coreano ottenne un discreto successo con oltre due milioni di visitatori. Ora grande interesse riscuote la cucina coreana, in particolare gli show cooking realizzati durante la Korea Week per promuovere la tradizione culinaria coreana, e i menu offerti da una decina di ristoranti coreani a Roma. "Anche questo anno abbiamo organizzato un'iniziativa a quattro mani, ovvero un evento dove due chef, uno italiano e uno coreano, collaborano insieme. L'obiettivo non è solo promuovere la nostra cultura, ma anche creare un'armonia tra due culture diverse, ricche di sapori e attenzione al benessere a tavola. Yori - ha precisato - nella nostra lingua significa cucina, Nori significa gioco.

Vogliamo con questa iniziativa divertirci mescolando ingredienti e tecniche gastronomiche. Lo chef italiano avrà a disposizione olio di sesamo, polvere di mandarino coreano, i fagioli di Myeongji della contea di Gapyeong e il ginseng, mentre lo chef coreano, che peraltro è consulente della casa presidenziale, è felice di disporre di tartufo bianco d'Alba e basilico e propone a Roma gustosi moonmandu, ravioli di carne in sfoglia di rapa e brodo di pinoli, prelibatezza che deve ancora essere degustata alla Casa Blu con una antica ricetta che evoca il rispetto degli anziani''. L'interscambio di sapori anche nei cocktail, creati dal barman coreano Sangyeop Yoon, che per l'occasione ha realizzato l'Autumn Night con soju alle patate dolci, Disaronno, miele e succo di limone e il Roman Holiday a base di makgeolli, Campari e five flavor fruit. "L'Italia e la Corea - ha concluso il Direttore dell'Istituto Culturale Coreano - condividono l'orgoglio di una tradizione in cucina che è stato tramandata nel tempo. Nei tre anni di vita in Italia ho notato che la cucina italiana tende a esaltare il sapore originale degli ingredienti usati e che dà priorità all'aspetto salutista dei piatti preparati. Lo stesso vale per la cucina coreana. Oltre a questo i due paesi condividono anche la cultura della fermentazione. In Corea i prodotti fermentati vengono usati come ingredienti base nella cucina, mentre in Italia il prodotto fermentato può essere consumato sul momento, anche da solo.

Anche se fisicamente sono due paesi lontani, spero che grazie a questo evento, i due paesi si siano avvicinati ancora di più''.

(ANSA).

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X