Martedì, 20 Novembre 2018
NELLA CAPITALE

Roma, grana Raggi per Di Maio: via se condannata, la Lega alla finestra

raggi roma, Virginia Raggi, Sicilia, Politica
Virginia Raggi

Nessuna deroga al codice etico M5s  Nel caso in cui la sindaca di Roma dovesse essere condannata la sua sorte è segnata: sarà fuori dal Movimento. Come prevede il regolamento del M5s che detta l’incompatibilità tra una carica e una condanna anche solo in primo grado e per qualsiasi reato commesso con dolo.

A confermare la linea dura è lo stesso capo politico dei 5 Stelle, Luigi Di Maio intenzionato così a chiudere definitivamente il collegamento tra l’esperienza di governo della Capitale e il Movimento.  Resta tuttavia il rebus sul ruolo che giocheranno in questa partita i consiglieri targati M5s. In caso di condanna la sindaca potrebbe infatti teoricamente restare in carica senza il simbolo del M5s e i consiglieri, ora M5s, sostenere una giunta non più targata 5s. Lo faranno? Per loro continuare significherebbe una parallela espulsione visto che per contratto si sono impegnati «a sostenere all’interno delle rispettive assemblee i Sindaci ed i Presidenti di Regione eletti sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle».

E anche a «non conferire nomine o incarichi a soggetti che abbiano riportato una condanna penale». Ma nulla gli vieta di continuare a sostenere una giunta non M5s se dovessero passare ad un gruppo Misto. Sarebbero fuori dal Movimento ma continuerebbero nel mandato. L’ipotesi non viene scartata da fonti del M5s che lo mettono in conto. «Poi bisogna vedere cosa faranno i consiglieri...» si ragiona nei piani alti del Movimento. E se da un lato questo eviterebbe il ritorno alle urne e il rischio di consegnare la capitale nelle mani del centrodestra e della Lega, dall’altro per il M5s questo esito rappresenterebbe una condizione molto difficile da sostenere politicamente.

Il centrodestra ora non si muove ed attende alla finestra in attesa della sentenza: ma in caso di caduta della Raggi è consapevole che si aprirà una fase radicalmente nuova, in cui la coalizione si ritroverebbe attorno a un tavolo per elaborare una proposta unitaria per il Campidoglio. Oggi nessuno fa nomi di possibili candidati sindaci. Tuttavia, già da settimane Matteo Salvini, punzecchiando Virginia Raggi, guarda con attenzione alla possibilità di conquistare la Capitale. Forza Italia vede questo passaggio come un’opportunità per insinuarsi come un cuneo nella maggioranza di governo, staccando la Lega dai 5S. Il
Carroccio non avrebbe problemi nel rilanciare l’alleanza delle politiche, forte del fatto che il centrodestra esiste solo se a trazione leghista.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X