Sabato, 17 Novembre 2018

La glaciazione delle Alpi in 2 minuti

Scienza e Tecnica
Soltanto la vetta delle Alpi oggi è coperta dai ghiacciai. Alcentro dell'immagine il Piz Palù, nel cantone dei Grigioni (fonte: Peter Rüegg)
© ANSA

Due minuti per ricostruire la nascita e lo sviluppo dei ghiacciai alpini nell'arco di 120.000 anni, che nel tempo si sono estesi e ritirati molto più frequentemente di quanto si credesse finora. Il risultato, pubblicato sulla ulla rivista The Cryosphere, è del gruppo del Politecnico di Zurigo guidato da Julien Seguinot e si basa su una simulazione al computer basata sui i dati dell'ultima glaciazione avvenuta intorno a 115.000 anni fa.

E' stata un'epoca movimentata quella in cui i ghiacciai avanzavano dalle Alpi sull'altopiano svizzero, per poi ritirarsi, e avanzare di nuovo. Durante questo processo potenti flussi di ghiaccio hanno scolpito le valli, come quella del Rodano, portando con sè detriti rocciosi, da sedimenti sottili fino a macigni pesanti alcune tonnellate, che depositandosi hanno formato le verdi e rigogliose colline ai piedi delle Alpi.

Avanzata e ritiro dei ghiaccia alpini nell'ultima era glaciale, nella simulazione dal Politecnico di Zurigo

I macigni pesanti si sono sparsi lungo l'altopiano svizzero, le valli alpine e le montagne del Giura. Per capire meglio gli sviluppi climatici su larga scala, i ricercatori hanno simulato lo sviluppo dei ghiacciai nelle Alpi nell'arco degli ultimi 120.000 anni al computer, usando i dati topografici di montagne e ghiacciai, parte delle osservazioni fatte nell'Antartico e in Groenlandia, oltre ai dati sul clima odierno e quello antico. Le simulazioni sono state fatte con due diversi scenari di piogge e tre diversi gruppi di dati di paleo-clima, ma solo uno di questi ha prodotto risultati che hanno senso con le tracce geologiche presenti nelle rocce e sedimenti dei ghiacciai.

La simulazione indica che i ghiacciai alpini si sono estesi e ritirati più di 10 volte. Stando al modello, circa 25.000 anni fa avevano raggiunto le colline ai piedi delle Alpi, raggiungendo Berna, Zurigo, il lago di Costanza e Schaffhausen, e si erano spostati a Est quasi fino a Monaco. Nell'arco di poche migliaia di anni, il periodo glaciale è poi gradualmente tornato all'attuale periodo interglaciale. Inoltre si è dedotto che durante il picco di glaciazione, il giacchio doveva essere molto più spesso di quanto pensato finora, arrivando fino a 800 metri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X