Martedì, 13 Novembre 2018
IL DISEGNO DI LEGGE

Abusivismo edilizio, piano della Regione: "Aiuti ai Comuni, via i sindaci inadempienti"

abusivismo edilizio, ddl regione, Sicilia, Politica
Nello Musumeci

La giunta regionale ha approvato un disegno di legge contro l'abusivismo edilizio in Sicilia. Il piano prevede aiuti ai Comuni, ma i sindaci inadempienti decadranno. "Il ddl approvato ieri sera dalla giunta regionale trae spunto dalla tragedia di Casteldaccia - commenta il presidente della Regione Nello Musumeci -. Gli uffici della Regione il 5 giugno scorso hanno scritto ai sindaci dell'Isola affinché segnalassero la presenza delle case abusive in luoghi particolarmente vulnerabili e quindi a rischio. Su 390 sindaci hanno risposto soltanto una quarantina, coloro che non hanno risposto hanno avuto 90 giorni di tempo e non lo hanno fatto, e quindi hanno ricevuto un ispettore del dipartimento Territorio e ambiente per acquisire tutta la documentazione necessaria".

Poi sottolinea: "Casteldaccia ha ricevuto la prima lettera il 5 giugno e la seconda il 7 settembre". "I sindaci hanno difficoltà ad intervenire e molto spesso i comuni, come è noto, non hanno disponibilità di risorse per fare fronte a queste spese impreviste''.

Il disegno di legge di due articoli prevede che "con ordinanza contingibile e urgente, al fine di garantire la pubblica e privata incolumità, il sindaco dispone, nel rispetto delle vigente normativa in materia, l'immediato sgombero e l'interdizione all'uso di tutti gli immobili realizzati abusivamente: nella aree a pericolosità elevata e molto elevata, individuate dal Piano per l'assetto idrogeologico, nelle aree sottoposte a vincolo di in edificabilità assoluta che implichino rischi per la sicurezza e l'incolumità pubblica. La norma si applica a tutti gli immobili realizzati abusivamente, anche se risulti presentata istanza di sanatoria non esitata alla data di entrata in vigore della legge".

E la "mancata adozione dell'ordinanza costituisce grave e persistente violazione di legge" ai fini della rimozione del sindaco ai sensi di legge".

"Da parte del governo - commenta Musumeci - e da parte della comunità siciliana rinnovo i sentimenti di cordoglio alle famiglie delle vittime morte in maniera assurda. Ho preferito partecipare al funerale in maniera assai discreta come peraltro è mio costume e credo che, dopo avere reso omaggio alle vittime, abbiamo il dovere di chiederci di chi sono le responsabilità e di fare di tutto per evitare il ripetersi di queste tragedia con la complicità dell'uomo o per inerzia, negligenza, dolo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X