Martedì, 20 Novembre 2018
FINANZIAMENTO

Rischio idrogeologico in Sicilia, dalla Regione 44 milioni per interventi a 20 opere

Oltre quarantaquattro milioni di euro per opere delle province siciliane che necessitano di interventi urgenti per la riduzione del rischio idrogeologico e contro l’erosione costiera: ad annunciarlo è il presidente della Regione, Nello Musumeci, che già ieri aveva comunicato la decisione della Giunta di destinare quasi 4 milioni di euro alle province di Agrigento, Siracusa e Catania per interventi alla Scala dei Turchi di Realmonte, alla riserva naturale di Cassibile e al costone roccioso a difesa del centro abitato di piazza De Gasperi a Vizzini.

I 44 milioni saranno destinati a finanziare 20 opere nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo e Siracusa e sono frutto di un aggiornamento dell'accordo di programma tra la Regione e il ministero dell'Ambiente. Nell'Agrigentino 8,9 milioni di euro  saranno utilizzati per eliminare il rischio idrogeologico a difesa del Rione Barca a Raffadali, 3,5 invece per completare il consolidamento del costone roccioso nel versante nordest di Sant'Angelo Muxaro.

Una cifra considerevole andrà ai comuni del Messinese: a Frazzanò pronti due progetti da 5 milioni per il centro abitato a monte di via della Libertà mentre a Messina saranno investiti 3 milioni di euro sul litorale tirrenico per la manutenzione delle barriere frangiflutti; a Montalbano Elicona 2,4 milioni per la frazione Santa Maria; a Raccuia 1,8 milioni di euro al centro abitato San Nicolò-Carrovetta nel rione Fossochiodo; a San Teodoro 2,3 milioni per il centro abitato a valle della via degli Angeli; a Militello Rosmarino 2 milioni di euro per contrada Ramisi e 1,2 milioni saranno utilizzati a Capri Leone nel centro abitato Torrente Paliace; a Castelmola 2 milioni di euro per completare il consolidamento del costone roccioso a valle del centro abitato Cuculunazzo-Sottoposta; a Itala 1,5 milioni per la regimentazione idraulica dell’area franata in località Casaleddu e infini a Fiumedinisi 1,9 milioni per contrada Fontana.

Per quanto riguarda la provincia di Catania, a Palagonia pronti 2,4 milioni per il consolidamento e il miglioramento sismico della sede dell'Ufficio tecnico comunale; ad Agira, nell'Ennese, 1,3 milioni per la periferia meridionale del centro abitato e un milione per il quartiere Santa Maria. In provincia di Palermo invece 1,5 milioni andranno a Petralia Soprana per il consolidamento del versante sud-ovest del centro abitato, 398 mila euro per Baucina in modo da mettere in sicurezza il cimitero comunale. A Marianopoli, nel Nisseno, destinati 945 mila euro per lavori nella zona delle Case agricole, mentre 1,2 milioni di euro verranno utilizzati a Ferla, in provincia di Siracusa, nella contrada Macello a sud del centro abitato.

«Si tratta - spiega il governatore Musumeci - di interventi urgenti e prioritari per la salvaguardia della vita umana e per la sicurezza delle infrastrutture, del patrimonio ambientale e culturale. In alcuni casi sono nuove opere, in altri manutenzioni ordinarie e straordinarie. Purtroppo nell’Isola, in molte aree, il territorio è a rischio e senza efficace tutela e prevenzione, come spesso nel passato è avvenuto, il pericolo di tragedie è elevato. Ecco perché, fin dall’insediamento, il mio governo ha considerato prioritario intervenire in questo settore».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X