Sabato, 15 Dicembre 2018

Salute: a Firenze forum su governance e innovazione

FIRENZE - Organi 'su misura' realizzati interamente con stampanti 3d e in grado di adattarsi perfettamente alla persona per la quale sono creati, uso della realtà virtuale e aumentata come supporto alla terapia del dolore. Il rapporto tra health e hi-tech è uno degli aspetti trattati al Forum del Sistema Salute organizzato alla stazione Leopolda di Firenze, con esperti del settore e 'futuristi' a confronto su governance e innovazione nel settore della sanità.

L'intero universo della sanità, da quella pubblica a quella privata, le aziende di healthcare, dei servizi, delle tecnologie, della consulenza e della ricerca, il mondo sociale e i cittadini concentrati in un solo spazio, per affrontare temi caldi come la nuova governance e l'allocazione delle risorse, il ruolo del management nella sanità e la possibilità di usare algoritmi, tecnologie dei dati e intelligenza artificiale. Il filo conduttore del forum, giunto alla sua terza edizione, è il futuro: "Oggi come non mai abbiamo accesso a tecnologie altamente efficienti - spiegano i 'futuristi' - low cost e accessibili con un bagaglio di conoscenza on demand, tutti possiamo essere parte di questo momento e inventare il nostro futuro". Al tema 'futuro' saranno dedicati anche vari laboratori: "Tra questi quello degli scienziati del Cnr - spiega la futurist Giorgia Zunino - che partendo da un foglio di carta parlano di medicina personalizzata con cuori di bambini stampati in 3d. Cuori reali, ognuno diverso, per piccoli pazienti che soffrono di patologie cardiache". "Abbiamo poi il politecnico di Torino - prosegue Zunino - che ci porta la realtà virtuale aumentata usata per curare le persone. I pazienti che sono in terapia o devono fare riabilitazione lo fanno attraverso il gioco, divertendosi a viaggiare in ambienti virtuali più belli, dimenticandosi a volte anche del dolore".

La manifestazione, che conta 50 eventi, si è aperta con un'esplorazione dello stato del Sistema sanitario nazionale, a 40 anni dalla sua nascita. I dati, riportati dal presidente della fondazione Gimbe Nino Cartabellotta, parlano di una spesa sanitaria pari a 157,61 miliardi nel 2016, che nel 2025 diventeranno 220 miliardi. Sempre nel 2025 i bisogni sociosanitari ammonteranno a 17 miliardi, di cui 9 destinati ad assistenza familiare e badantato, 4,2 per la partecipazione alle spese sociali e 4,1 per il mancato reddito dei caregiver. L'appello lanciato durante la manifestazione è quello del rilancio del finanziamento pubblico: "C'è da riflettere sul futuro del sistema sanitario nazionale" afferma Giuseppe Orzati, amministrare della Koncept, società che ha ideato e organizzato l'evento. "In Italia - prosegue - stiamo vivendo un periodo di cambiamento politico, in questo contesto è fondamentale il ruolo dei manager della sanità e della loro capacità di indirizzare e gestire il cambiamento".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X