Venerdì, 14 Dicembre 2018
REGIONE

Ars, l'Ordine massonico contro la legge Fava: "È violazione dei diritti"

«È gravissima la violazione dell’articolo 18 sulla libertà di associazione della nostra
Carta costituzionale perpetrata dalla 'legge Fava' che obbliga i parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana a dichiarare la propria appartenenza alla massoneria. La legge marchia pretestuosamente i massoni italiani sottintendendo
arbitrariamente che, per tale loro preferenza associativa, essi non siano persone oneste, la qual cosa è inammissibile».

Lo dice Michele Ferraro, presidente della Federazione italiana dell’Ordine massonico misto internazionale «Le droit humain», che stigmatizza il provvedimento del presidente della Commissione regionale antimafia Claudio Fava appena approvato dall’Ars.

«Già nel 2007 la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva condannato lo Stato italiano per una legge della Regione Venezia Giulia dal portato perfettamente sovrapponibile a quella della Regione siciliana. Perseverare in questo genere di iniziative discriminatorie - aggiunge - dimostra non soltanto una plateale
ignoranza sul reale portato etico e spirituale della massoneria, ma soprattutto manifesta, in Italia, una pericolosa deriva autoritaria».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X