Lunedì, 22 Ottobre 2018
EUROZONA

Dall'Ue critiche alla manovra, Juncker: "Saremo rigidi". Mattarella convoca Conte

debito, manovra, Sicilia, Politica
Jean-Claude Juncker

L'Italia non era sull'agenda dell'Eurogruppo, ma quel deficit portato al 2,4% a dispetto di tutti gli impegni presi, l'ha resa protagonista della riunione in Lussemburgo.

Ed ha spinto il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker ad una durissima uscita: "Se l'Italia vuole un trattamento particolare supplementare, questo vorrebbe dire la fine dell'euro. Bisogna essere molto rigidi".

I partner di Eurolandia, messi in allarme dai mercati agitati ancora ieri e da un Governo che ha apertamente sfidato le regole comuni, hanno voluto affrontare la questione subito e in pubblico, lanciando alle autorità italiane un messaggio chiaro: ci sono ancora due settimane di tempo per lavorare ad una manovra che sia accettabile, altrimenti la Commissione e l'Eurogruppo non avranno altra scelta che rigettare il testo non appena arriverà a Bruxelles. E proprio per lavorare ai dettagli di un testo e delle nuove stime, che ancora non sono note, il ministro dell'economia Giovanni Tria anticipa il rientro a Roma, saltando la riunione dell'Ecofin. Ma prima di lasciare Lussemburgo, risponde per le rime a Juncker: "Non ci sarà nessuna fine dell'euro". I mercati entrano però in fibrillazione e la borsa, dopo un venerdì nero, non recupera e chiude in calo. Lo spread sale invece di nuovo a 282 punti.
L'Italia certo difende la sua manovra. Il premier Giuseppe Conte a colloquio con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ribadisce che il deficit-pil sarà al 2,4%. Salvini invece risponde direttamente a Junker:"In Italia nessuno si beve le minacce di Juncker, che ora associa il nostro Paese alla Grecia. Vogliamo lavorare per rispondere ai bisogni dei nostri cittadini - dice il vice premier - basta minacce e insulti dall'Europa l'Italia è un paese sovrano".

Per l'Ue però i numeri annunciati dal Governo italiano la scorsa settimana "presentano preoccupazioni, e i membri dell'Eurozona hanno espresso queste preoccupazioni al ministro Tria", ha detto il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno al termine della riunione. I dettagli dei timori, li spiega il commissario Pierre Moscovici: "Per il momento quello che so è che il deficit del 2,4%, non solo per l'anno prossimo ma per tre anni, rappresenta una deviazione molto, molto significativa rispetto agli impegni presi".

E anche il vicepresidente Valdis Dombrovskis ribadisce che, a una prima vista, i piani "non sembrano compatibili con le regole del Patto". Dopo le parole dei responsabili europei dei conti pubblici, lo spread è salito e la Borsa ha girato in negativo. Tanto da spingere il vicepremier Luigi Di Maio ad accusare "qualche istituzione europea" di giocare "a fare terrorismo sui mercati". Accusa subito respinta da Moscovici: "Quello che può creare turbolenze non sono le mie parole, ma quello a cui reagisco", ed ha difeso il suo ruolo di guardiano delle regole.

Chiamato dai suoi colleghi, Francia e Olanda in testa, a spiegare i dettagli di una manovra ancora non nata ma già molto discussa, Tria ha difeso il contestato 2,4%. "E' un numero che non corrisponde esattamente ad alcune regole europee", ma "se andate a vedere il numero di Paesi che sono in regola con tutte le regole europee sono pochissimi". Non significa, secondo il ministro, "che non bisogna cercare di rispettarle ma ci sono delle situazioni economiche in cui bisogna fare delle valutazioni".

Per Tria bisogna guardare alla qualità della manovra: "Questa manovra è di crescita, se vinciamo la scommessa della crescita tutto va bene, sennò cambieremo la manovra come sempre bisogna fare". D'altra parte "tutte le strategie dei governi precedenti non hanno dato risultati quindi dobbiamo un po' cambiare", ha spiegato.
Intanto, però, l'Europa prende posizione: "Non vorrei che dopo aver superato la crisi greca, ricadessimo nella stessa crisi con l'Italia", ha detto Juncker. "Sta al Governo dimostrare di avere un bilancio credibile e sostenibile", ha detto Centeno, in una rara uscita sui piani di bilancio di un Governo che ancora non sono definitivi. E' quella la chiave, per Bruxelles: c'è ancora tempo, almeno due settimane per riconsiderare la scelta di portare il deficit oltre la soglia di guardia. Il 2,4%, infatti, non garantirebbe la discesa del deficit strutturale, parametro a cui guarda la Ue per giudicare la discesa del debito.

Intanto, ribadisce le sue preoccupazioni per la tenuta dei conti, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lo fa in un colloquio informale con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il 2,4% di deficit "non è in discussione", spiega il premier al capo dello Stato. Ma al di là dei contenuti della manovra, che pure vengono ritenuti importanti dal Colle, l'aspetto più problematico resta proprio il deficit.
Tanto che coglie di sorpresa i "soci" di M5s e Lega - e fa loro temere cedimenti alle richieste dell'Ue - la decisione di Giovanni Tria di anticipare il rientro dal Lussemburgo. In serata Tria in conferenza stampa difende con nettezza l'impostazione della manovra e l'impegno assunto a far scendere il debito. Basta a chiudere la partita nel governo? Così non sembra, perché più fonti raccontano tutta la difficoltà del ministro dell'Economia a difendere numeri che dall'inizio non condivideva e preoccupano l'Eurozona e i mercati.

 

 

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X