Domenica, 18 Novembre 2018
I DATI

L'Italia non è un paese per giovani: a 30 anni quattro laureati su dieci senza lavoro o sottoccupati

L’Italia non è un Paese per giovani (laureati): a 30 anni infatti, 4 su 10 sono senza lavoro o sottoccupati. È quanto risulta dai dati dell’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro secondo il quale nel 2017 degli oltre 1,7 milioni di trentenni con la laurea, il 19,5% (344.000) è privo di occupazione, e un ulteriore 19% (circa
336.000) opera in posizioni professionali che non richiedono laurea.

Fra i giovani laureati della Penisola, invece si evidenzia nel dossier c'è un 61,5%, che
riesce a lavorare mettendo a frutto il titolo di studio conseguito. Nel 2017, il tasso di occupazione dei trentenni laureati (81,3%) è superiore di 8 punti percentuali rispetto ai giovani diplomati di pari età ed arriva a 24 punti percentuali rispetto ai trentenni con la sola licenza media.

Le prospettive d’inserimento nel mercato occupazionale, spiega quindi lo studio, «migliorano per coloro che hanno raggiunto almeno un titolo secondario superiore», e si rivelano «massime per chi giunge a conseguire un titolo universitario». Il vantaggio nel possedere un livello di istruzione più elevato (e poterlo 'spendere', esercitando un’attività professionale) è più marcato, si legge, «per le donne trentenni, specie nel Mezzogiorno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X