Sabato, 17 Novembre 2018

Ribellione e trasgressione sfilano in passerella: la nuova primavera-estate secondo Calvin Klein

Calvin Klein porta in scena tutta la ribellione americana attraverso due film cult, 'Jaws' e 'The Graduate', Lo Squalo (1975) e Il laureato (1967). Due film che rappresentano la trasgressione, l’idea del predatore e una messa in discussione fondamentale dell’autorità per CALVINKLEIN 205W39NYC Primavera/Estate 2019 ancora una volta firmata da Raf Simons.

Il designer belga nella nuova collezione ha sfruttato al massimo la sua ossessione per il cinema per rappresentare la realtà americana.

Il sipario sullo show di Calvin Klein si è alzato proprio come in un film, e con i muri di uno spazio al primo piano del quartier generale del brand nel Garment District ha svelato una scena da 'Jaws' attraverso una enorme massa d’acqua, l’oceano, da dove la povera Chrissie Watkins (alias Susan Backlinie) va a nuotare per non uscire mai più. E’ la prima vittima nel capolavoro di Steven Spielberg.

«Un viaggio attraverso l’America conduce inevitabilmente all’orlo del paesaggio, la spiaggia - ha spiegato Simons -. In spiaggia c'è questa idea incredibile di bellezza, ma anche di tensione, tra terra e oceano, la sensazione di due mondi che si incontrano, forse scontrandosi. C'è un senso di inatteso e sempre, una tentazione. Per me, Lo Squalo esemplifica alla perfezione queste nozioni».

Dalla collezione traspare anche il senso di tensione tra mondi diversi e ambienti diversi, ossia tra giovinezza e maturità, uomo e donna, restrizioni e privilegi, ribellione e conservatorismo. Ed ecco che fa capolino 'Il Laureato'.

«Mi hanno sempre affascinato i dress code delle varie generazioni - continua Simons - madri e figlie, padri e figli e come i cambiamenti tra differenti generazioni di una famiglia riflettano i cambiamenti della società americana. Amo il film Il Laureato e le varie dinamiche familiari che espone. Come il film, questa collezione esplora tabù e tentazioni, cambiamenti nella cultura e nelle comunità, ma a conti fatti, il filo conduttore è l’amore».

In passerella, modelle e modelli con capelli bagnati e mute da sub arrotolate alla vita, in canotte o T-shirt 'Jaws' oppure con cappelli da cerimonia di laurea e toghe.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X