Sabato, 15 Dicembre 2018
MANOVRA

Pensioni, la proposta di Salvini: "Quota 100 ed età minima 62 anni"

Lega, manovra, pensioni, pensioni lega, riforma pensioni, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini all'interno degli studi Rai durante la registrazione del programma televisivo "Porta a Porta"

«Quota 100 con 64 anni? No, è assolutamente troppo alto. Io ho chiesto al massimo 62». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante la
registrazione della puntata di Porta a Porta andata in onda ieri sera.

L’accesso alla pensione con quota 100 e un’età minima di 62 anni insieme alla possibilità di uscire con 41 anni e mezzo di contributi indipendentemente dall’età anagrafica potrebbe costare già nel 2019 13 miliardi al lordo delle tasse e 9 miliardi al netto. Sono le prime elaborazione della società di ricerca Tabula guidata dall’esperto di previdenza Stefano Patriarca sulle ipotesi di riforma della Legge Fornero annunciate dal vicepremier Matteo Salvini. A regime il costo salirebbe a circa 20 miliardi al lordo delle tasse e oltre 13 miliardi al netto.

Il nodo pensioni è stato rilanciato ieri anche durante il secondo incontro della Lega sui temi economici. Le priorità - fanno sapere dal Carroccio - sono diritto alla pensione e lavoro per centinaia di migliaia di persone, pace fiscale e chiusura con Equitalia, flat tax. Nei prossimi giorni ci saranno approfondimenti e verifiche sui temi singoli in vista della manovra economica.

«La pace fiscale è per quelli che hanno fatto la dichiarazione dei redditi, per chi è in contenzioso con Equitalia», ha aggiunto il ministro dell’Interno a Porta a
Porta. «Non è un regalo, è gente che è disperata, che pagherebbe il 10% del dovuto, gente che per riavere un conto corrente, correrebbe a pagare. Si possono così incassare più di 20 miliardi di euro».

Sul tema migranti e caso Diciotti ha sottolineato: «Faccio in modo che le navi non arrivino. Se risuccedesse rifarei esattamente quello che ho fatto, mettendo in sicurezza donne, bambini e malati. Se vogliono indagarmi ancora lo facciano ancora».

«Immigrazione e sicurezza saranno oggetto di decreto che verrà portato entro questo mese in consiglio dei ministri e poi in parlamento. Ovviamente non sarà solo sull'immigrazione, ci sarà un taglio dei costi, non più 35 euro ma taglieremo 10/15 euro giornalieri ai migranti», ha concluso.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X