Giovedì, 20 Settembre 2018

Età dell'oro Parma tra Settembre Gastronomico,fiera e stadio

Terra e Gusto
Lo chef Massimo Spigaroli
© ANSA

(ANSA)  - Traffico da Ronaldo attorno allo stadio col Parma in serie A, hotel in sold out per il Settembre Gastronomico, la ''Cena dei Mille'' che ha permesso di devolvere all'Emporio Solidale Parma 10.800 euro, e il Salone del Camper che sarà inaugurato sabato 8, presso Fiere di Parma, dal ministro delle Politiche Agricole Alimentari, forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio. Parma ritrova l'età dell'oro e macina consensi internazionali nella veste Unesco Creative City of Gastronomy, prima città italiana a conquistare questo riconoscimento, nonché sede dell'Efsa e della prossima presentazione delle Guide Michelin Italia, polo industriale a forte vocazione alimentare, conserviera e agromeccanica.

L'idea del Settembre Gastronomico è quella di trasformare Parma nel paradiso dei foodie per l'intero mese di settembre, tradizionalmente ricco di appuntamenti, dal Festival del Prosciutto di Parma al Tomaca Fest, da Caseifici Aperti a Pastaria. Durante questo mese turisti e cittadini potranno anche godere dei "Giardini Gourmet", degustazioni in spazi verdi urbani solitamente chiusi.

''Il boom di presenze italiane ed estere e i riconoscimenti internazionali - sostiene Andrea Belli, manager comunicazione Barilla incontrato - che vede un impegno corale di pubblico e privato. Anche nell'industria alimentare marchi concorrenti a scaffali, ad esempio sui sughi, fanno squadra nel 'Settembre gastronomico' per promuovere il territorio, la Food Valley e le filiere agricole e produttive dal campo alla tavola''. Un'industria alimentare radicata sul territorio da 140 anni come Barilla sottolinea nella manifestazione l'impegno della famiglia imprenditoriale sulla sostenibilità, l'inclusione dei rifugiati attraverso i corridoi delle Nazioni Unite e la valorizzazione del volontariato. Presso l'Academia Barilla le cene tematiche mostreranno come ridurre l'impatto ambientale del cibo, visite gratuite al Museo della Pasta, un premio ai cosiddetti Angeli Barila, i volontari che nelle emergenze sono in grado di allestire 2mila pasti per le popolazioni terremotate o alluvionate. In crescita inoltre ''l'utilizzo nel pastificio Barilla di grano duro italiano, ora a quota 70% e trasportato su rotaia con conseguente eliminazione di 5mila Tir dalle strade. Quello che non si può trovare nella filiera agricola nazionale, con cui sono stati sottoscritti 5mila accordi triennali per acquisti di frumento sostenibile coltivato in Emilia-Romagna, Puglia, Campania, Lazio, Marche e Toscana, lo si acquista esclusivamente da Francia, Stati Uniti e Australia'' ha sottolineato infine il manager Barilla.(ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X