Giovedì, 15 Novembre 2018
7 REGOLE

Sindrome post-vacanze, ne soffre 1 italiano su 10: ecco come superare lo stress da rientro

Potremmo definirlo "il lunedì dei lunedì": sì perché quello di oggi per molti è il giorno del rientro dalle ferie.

Settembre è arrivato e con esso anche la fine dell'estate, l'inizio di un nuovo anno scolastico. Mancano davvero pochi giorni e poi addio mare, vacanze: si ritorna alla routine quotidiana.

Sebbene spesso sottovalutata lo stress da rientro, la cosiddetta sindrome post-vacanze, è un disturbo che comporta davvero uno stato di malessere fisico ed emotivo. Ne soffre almeno 1 italiano su 10. A spiegarne cause e sintomi è la psicoterapeuta, Paola Vinciguerra, direttore scientifico di Bioequilibrium e presidente di Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico.

“Quando il rientro dalle vacanze ci mette in crisi, dovremmo chiederci quanto la vita di tutti i giorni, lavoro, relazioni, routine, siano soddisfacenti - spiega - Lo stacco dalla quotidianità, dai doveri e dalle responsabilità è doveroso, ma quando al ritorno dalle vacanze ci sentiamo più stressati di quando siamo partiti è decisamente un campanello d’allarme”.

Tra i sintomi più diffusi al rientro: mal di testa, fiacchezza, sonno, stordimento e irritabilità.

La psicoterapeuta fornisce la sua "ricetta": 7 regole d'oro per superare lo stress da post-vacanze.

1) La ripresa deve essere graduale, quindi evitate di rientrare dalle vacanze all’ultimo minuto, meglio rinunciare ad un giorno in più in ferie. “Rituffarci immediatamente in ritmi frenetici, scadenze, traffico e routine quotidiana non è mai una buona idea - prosegue l’esperta - Molto meglio sarebbe tornare in città un paio di giorni prima di ricominciare a lavorare, ci potrebbe aiutare a sentirci meno stressati e più energici".

2) Fare attività fisica. Serve a diminuire lo stress e a mantenere il buon umore poiché stimola la produzione di endorfine.

3) Fare passeggiate, ritrovarsi con gli amici e uscire la sera per prolungare lo ‘spirito vacanziero’.

4) Dormire almeno 7/8 ore a notte.

5) Seguire un regime nutrizionale senza eccessi ma senza diete rigide.

6) Rispettare i propri ritmi concedendosi frequenti pause, porsi degli obiettivi semplici arrivando con gradualità ai progetti più complessi.

7) Soprattutto i più piccoli devono avere la possibilità di riadattarsi gradualmente agli orari ed alle regole di tutti i giorni.

A. S.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X