Sabato, 15 Dicembre 2018

In 70 mila al live di Jovanotti per le comunità colpite dal sisma: il concerto ora è online

Disponibile da oggi su Jova.tv il video del concerto conclusivo di Jovanotti a Matelica (Macerata) organizzato nell'ambito della seconda edizione di RisorgiMarche.

Un evento che ha coinvolto ben 70 mila fan. Un festival di solidarietà ideato e diretto dall’attore, comico, imitatore e conduttore televisivo marchigiano Neri Marcorè per sostenere le comunità colpite dal sisma.

L’edizione 2018, ha commentato Marcorè, «non poteva chiudersi in modo più bello e coinvolgente di questo: a quest’ultimo appuntamento ci aspettavamo circa 40mila persone ma sui prati sopra Matelica per festeggiare la manifestazione e tributare a Lorenzo l’affetto che merita per la generosità e il talento artistico, ne sono arrivate almeno 70mila. Lui e i suoi musicisti - ha detto ancora - hanno incantato, trascinato, estasiato il pubblico in un crescendo di emozioni che quando smetteranno di vibrare, e ci vorrà tempo, andranno a finire nell’album dei ricordi più intensi di quest’estate marchigiana. Nei miei sicuramente».

«Io - ha aggiunto Marcorè - che ho avuto il privilegio raro di condividere palco e microfono in parecchi momenti dello spettacolo, un regalo per cui sono ancora più grato a uno dei personaggi che per carriera, capacità, profondità e filosofia di vita ammiro di più nel panorama italiano».

Nell’edizione 2018 di RisorgiMarche si sono esibiti, tra gli altri, Piero Pelù, Angelo Branduardi, Simone Cristicchi con GnuQuartet, Mario Biondi, Alex Britti, Clementino, Luca Carboni, Irene Grandi, Andrea Mirò, Paolo Belli & Big Band e le voci internazionali di Noa e Toquinho.

Il festiva, ha osservato Marcorè, è stato anche «un regalo anche per le attività commerciali della zona, visto che nel weekend si è registrato il tutto esaurito nelle strutture alberghiere e che molte aziende hanno potuto ridare linfa alle loro vendite grazie al passaggio di così tanta gente. Uno spot per una Regione accogliente con paesaggi naturali lussureggianti, che meritavano di essere conosciuti e meritano di essere frequentati».

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X