Domenica, 16 Dicembre 2018
SALUTE

Il caldo peggiora le malattie: conseguenze per reni e mente

«Il caldo può scatenare il colpo di calore ma può anche peggiorare le condizioni esistenti, come malattie cardiovascolari, respiratorie, renali o mentali».

A mettere in guardia, in vista delle torride giornate che ci attendono, è l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), che sottolinea: l’Europa «sta vivendo un’estate molto calda e si prevede che continui per le prossime settimane».

«I professionisti medici e le autorità sanitarie pubbliche - spiega l’Oms - devono essere preparate ad affrontare le ondate di calore estive e le possibili conseguenze sulla salute dell’esposizione al calore».

Ogni anno infatti, le alte temperature influiscono sulla salute di molte persone, in particolare degli anziani, dei neonati, di coloro che lavorano all’aperto e di malati cronici. Tuttavia, «gli effetti avversi sulla salute causati dal caldo sono ampiamente prevenibili attraverso buone pratiche».

Innanzitutto, quando fa molto caldo, è importante mantenere calma e sangue freddo, «perché anche stati di ansia e agitazione possono aumentare le vampate di calore».

Per mantenere casa fresca, «apri le finestre di notte per rinfrescare l'appartamento ma durante il giorno usa le persiane o serrande». Fare spesa, sistemare il balcone, andare a trovare un amico: meglio evitare di fare queste e altre attività durante l’ora più calda della giornata e «se necessario, passare 2-3 ore del giorno in un luogo fresco, come un edificio pubblico con aria condizionata».

Fondamentale poi mantenere il corpo fresco e idratato, usare abiti leggeri e larghi, fai docce o bagni freschi, bere regolarmente evitando alcol e caffeina.

In caso di «capogiri, debolezza, ansia, sete intensa o mal di testa, spostati il più presto possibile in un luogo fresco e misura la temperatura corporea. Bevi acqua o succo di frutta per reidratare». In caso di spasmi muscolari bevi soluzioni di reidratazione orale contenenti elettroliti e chiedi aiuto se i crampi termici durano più di un’ora. Infine, ricorda l’Oms, «mentre ti prendi cura di te, pianifica di controllare familiari, amici e vicini che trascorrono molto del loro tempo da soli. Se qualcuno che conosci è a rischio, aiutalo a ricevere consigli e supporto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X