Domenica, 19 Agosto 2018
ENTI LOCALI

Ripartizione dei fondi ai Comuni, l'Asael: "Adesso criteri più giusti"

di
asael, fondi ai comuni, Matteo Cocchiara, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Matteo Cocchiara

La ripartizione dei fondi ai Comuni adesso ha una maggiore giustizia distributiva secondo l'Asael, l'associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani: "I criteri di ripartizione dei fondi ai comuni stabiliti dalla conferenza Regione-Autonomie locali determinano una maggiore giustizia distributiva fra gli enti", spiega il presidente dell'Asael, Matteo Cocchiara.

"Un risultato raggiunto grazie all'introduzione dei nuovi criteri di territorio e popolazione, diversi rispetto ad alcune ipotesi del passato - aggiunge Cocchiara - quando si determinarono incomprensibili risultati per via di una poco giustificabile varietà di parametri criticata da tempo dalla nostra associazione".

La conferenza Regione-autonomie locali ha determinato i criteri di riparto dei trasferimenti regionali di parte corrente destinati ai comuni per il 2018, delle risorse residue relative alla spesa corrente 2017 e di quelle destinate a spese di investimento residuo 2018, oltre che dei fondi del Piano di azione e coesione 2014/2020 destinato ai comuni.

In arrivo ci sono 500 milioni: in particolare, quasi 294 milioni di euro andranno ai Comuni come trasferimenti di ‘parte corrente’ e secondo criteri innovativi e semplificati introdotti, su proposta del governo, nella Legge di stabilità regionale approvata ad aprile. Rispetto ai precedenti nove criteri, alcuni anche molto complessi, infatti, da quest’anno il calcolo si è basato su soli due dati facilmente reperibili: popolazioni e spesa storica riferita al 2016.
«In questo modo - ha spiegato nei giorni scorsi il presidente della Regione, Nello Musumeci - ci sarà uno snellimento delle procedure e un’accelerazione nell’erogazione delle somme, oltre a consentire agli Enti di avere certezza sulle risorse che verranno trasferite loro dalla Regione. Inoltre, avendo questi criteri una durata triennale, il prossimo anno la ripartizione sarà ancora più celere e quindi i Comuni potranno, da un lato, evitare il ricorso alle anticipazioni di cassa e, dall’altro, garantire il rispetto delle scadenze per la presentazione dei rendiconti e dei bilanci preventivi».
Quarantaquattro milioni di euro, invece, sono somme che l’Assemblea regionale aveva già vincolato con la Legge di stabilità e che saranno così ripartite: sei milioni alle isole minori per il trasporto dei rifiuti via mare; oltre cinque milioni agli enti che hanno dichiarato il dissesto finanziario tra il 2011 e il 2018; due milioni a Lampedusa e Linosa, Pozzallo, Augusta e Porto Empedocle per fronteggiare le difficoltà legate all’immigrazione; cinque milioni quale rimborso spese del trasporto inter-urbano degli alunni delle scuole medie superiori; un milione a testa per l’aeroporto di Comiso, per il centro storico di Agrigento e Ragusa, mentre un milione e mezzo per quello di Siracusa; due milioni e 300 mila euro tra i Comuni colpiti dalle alluvioni del 2009 e del 2015; cinque milioni agli Enti ‘ricicloni’ che hanno raggiunto la soglia del 65 per cento di raccolta differenziata; cinque milioni alle comunità alloggio per disabili psichici; un milione ai Comuni con ‘Bandiera blu’ e ‘Bandiera verde’ e un altro milione tra chi ha ottenuto il riconoscimento di ‘Borgo più bello d’Italia o ‘Borgo dei Borghi’.
Altri sedici milioni saranno assegnati, sempre come ‘parte corrente’, quale quota aggiuntiva del 2017 e ripartiti in base alla popolazione. Per quanto concerne gli investimenti, ai Comuni andranno, invece, 138 milioni di euro, di cui 23 riservati agli Enti con più di cinquemila abitanti e il resto attraverso i fondi del Programma di azione e coesione 2014/2020, finalizzato alla realizzazione di interventi per il miglioramento del contesto sociale ed economico.
Per quanto riguarda le tre Città metropolitane e i sei liberi consorzi di Comuni, gli uffici del dipartimento regionale delle Autonomie locali, guidati dal dirigente generale Margherita Rizza, stanno per emettere già i mandati di pagamento per circa 112 milioni di euro. Ai quali si aggiungeranno altri trenta milioni di euro per investimenti, sempre attraverso i fondi del Programma di azione e coesione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X