Venerdì, 17 Agosto 2018

L'oggetto più brillante dell'Universo primordiale

Scienza e Tecnica
Rappresentazione artistica del quasar P352-15, l'oggetto più brillante del baby universo (fonte: NASA Goddard)
© ANSA

Individuato l'oggetto più brillante dell'Universo primordiale: è un quasar nato meno di un miliardo di anni dopo il Big Bang, pronto a rivelare i segreti più intimi delle prime galassie. Si trova a 13 miliardi di anni luce dalla Terra, è formato da una galassia con un massiccio buco nero che non ingoia soltanto materiale, ma emette un getto di plasma veloce quasi quanto la luce, tanto da essere estremamente brillante alle frequenze radio. La scoperta, fatta grazie al sistema americano di telescopi del Very Long Baseline Array (Vlba), è pubblicata su The Astrophysical Journal dal gruppo di ricerca di Edoardo Banados del Carnegie Institution for Science a Pasadena, California.

Il quasar, chiamato PSO J352.4034-15.3373 (abbreviato come P352-15), è stato successivamente osservato anche dal National Radio Astronomy Observatory (Nrao), producendo "l'immagine più dettagliata mai ottenuta per una galassia così brillante e distante", spiega l'astronomo Emmanuel Momjian. "Ci sono poche sorgenti radio note così forti nel primo Universo e questo è il quasar più brillante dell'epoca di un fattore 10", aggiunge Banados.

"Stiamo osservando P352-15 così com'era quando l'Universo aveva meno di un miliardo di anni, ovvero - sottolinea Chris Carilli del Nrao - circa il 7% della sua età attuale". Era vicina la fine dell'era di reionizzazione, nella quale le prime stelle e galassie hanno diradato la nebbia di idrogeno che pervadeva lo spazio intergalattico. "Ulteriori osservazioni - prosegue Carlli - potrebbero permetterci di usare questo quasar come una lampada d'ambiente, per misurare la quantità di idrogeno neutrale che rimaneva a quel tempo". "Il getto emesso dal quasar - precisa Banados - potrebbe servire come un importante strumento di calibrazione per aiutare futuri progetti a penetrare nell'età oscura dell'Universo e rivelare come si sono formate le prime galassie".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X