Sabato, 22 Settembre 2018

Domenicali, con Urus Lamborghini guarda al futuro

Un'auto che guarda al futuro senza tradire il passato, un progetto ambizioso premiato da vendite esaltanti, la coscienza che i giovani sono i clienti più esigenti: è una Lamborghini totalmente rinnovata quella che l'AD del Gruppo, Stefano Domenicali, ha presentato a Roma nell'ambito dell'inaugurazione del primo showroom capitolino della Casa di Sant'Agata Bolognese, a due passi da Via Veneto.

L'INTERVISTA A STEFANO DOMENICALI

 

"Quella nella capitale era un'assenza non più tollerabile - ha detto - soprattutto per chi ha nella gente la propria forza. Noi - si schermisce Domenicali - veniamo da un piccolo paesino perso nella Pianura Padana, e siamo coscienti della fiducia che le persone danno al nostro marchio, oggi ancor più di ieri. Urus - prosegue - era una scommessa, difficile e per alcuni indigesta: l'abbiamo vinta rispettando i tempi di progettazione, contenendo i costi e soprattutto creando un prodotto di altissimo livello che coniuga le linee del passato con le necessità attuali".

E in effetti sembra essere davvero così, se il supersuv da solo rappresenta la metà delle vendite che potrebbero superare le settemila l'anno dal 2019. Intanto lo stabilimento è stato raddoppiato e 500 persone sono state assunte in due anni. Altre 150 sono in arrivo. Gli ordini per l'anno in corso si sono polverizzati sulla fiducia, gongola Domenicali, perché le vetture per le prove dei clienti stanno arrivando in questi giorni nei concessionari.

"E' la prima Lambo - sostiene l'AD - da usare ogni giorno, con la famiglia e con gli amici". "L'Urus - racconta - è un progetto riuscito al punto che le altre auto si fermano quando per strada ne passa uno". E in effetti lo abbiamo constatato anche a Roma dove, in piena ora di punta, si faceva silenzio all'arrivo di una vettura capace di coniugare le linee tipiche della Casa con una inedita sobrietà. "Basta scegliere il colore giusto", dice Domenicali.

E il futuro? Lamborghini sta lavorando anche a una motorizzazione ibrida, senza però dimenticare l'irrinunciabile vocazione supersportiva. Un propulsore che non dovrà deludere. "Uno dei progetti principali riguarda il suono del motore, perché il piacere di guida non sia intaccato" - spiega Domenicali, mentre con la mano fa il gesto di afferrare il volante. Sembra quasi di sentirla rombare, la Lambo che verrà...

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X