Lunedì, 24 Settembre 2018

Furti di rame in Sicilia, ecco come la banda rubava "l'oro rosso"

Avevano brevettato un metodo per tranciate cavi di rame direttamente dai tralicci dell’illuminazione pubblica. Così una banda di dieci ladri con una canna da pesca e pinza staccava cavi rame per poi ricettarli. La banda di ladri di rame è stata smantellata dai carabinieri di Cefalù.

Nove persone sono agli arresti domiciliari e una ha l’obbligo di dimora. Sono tutti accusati di numerosi furti di rame e in abitazione in diverse province di Palermo, Trapani, Agrigento, Enna e Caltanissetta. L'indagine ha consentito di far luce su 50 furti di rame, la maggior parte effettuati sui tralicci della pubblica illuminazione con il furto di circa 6 tonnellate di oro rosso per un valore di oltre 300 mila euro. La banda è entrata in azione anche in sei appartamenti e altre quattro volte in due centri Leroy Merlin di Palermo, dove sono stati rubati e poi ricettati attrezzi agricoli, con un valore di circa 200 mila euro.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X