Domenica, 23 Settembre 2018
IL CASO

Migranti, nuova ondata verso l'Italia: in 500 soccorsi. Nave Usa con 42 a bordo a Lampedusa

Se i 629 della Aquarius navigano verso la Spagna, altri massicci sbarchi di migranti sono annunciati in Italia e ieri la Guardia costiera si è mossa per recuperare 500 naufraghi davanti alle coste libiche.

Tutto mentre, nelle stesse ore, va in scena all'Eliseo, nella sala delle Feste, la tregua fra Italia e Francia, dopo la settimana di crisi diplomatica provocata proprio dal caso Aquarius. Sorrisi, toni calorosi fra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e "l'amico Emmanuel", che hanno identità di vedute di principio sugli hotspot nei paesi di origine e di transito. Ma anche, sottolineano soprattutto fonti francesi, sulle modifiche alle regole di Dublino.

In Italia il clima è più teso. "Noi li salviamo, ma la misura è colma", ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. Intanto, si sblocca la situazione della nave della Marina americana Trenton, che martedì aveva soccorso 42 persone da un'imbarcazione rovesciata: saranno portate in Italia.

Le partenze di 'carrette del mare' dalla Libia evidenziano una chiara difficoltà di Marina e Guardia costiera di Tripoli a controllare le proprie acque. Le motovedette donate dall'Italia hanno bisogno di manutenzione e non sempre sono in condizioni di affrontare la navigazione. E c'è anche l'attesa da parte delle autorità del Paese nordafricano di capire se il nuovo Governo manterrà e rafforzerà gli accordi stretti con il precedente esecutivo, che prevedevano aiuti e sostegno in cambio dello stop ai trafficanti di uomini.

Una situazione che è ben presente all'intelligence ed alle forze di sicurezza italiane che nei giorni scorsi hanno relazionato premier e ministri sulla difficile situazione in territorio libico, dove i profughi si contano in alcune centinaia di migliaia. I tempi delle decisioni politiche sono lunghi. Nel frattempo, la gente continua a partire.

Ed è superlavoro per la Guardia costiera che oggi, fa sapere Toninelli, "ha risposto alle chiamate provenienti da quattro imbarcazioni e sta andando a recuperare circa 500 naufraghi nel mare libico. Nessuno può dire che ci sottraiamo alle nostre responsabilità. Men che meno che siamo razzisti o xenofobi. L'Italia è sempre stata e rimane in prima linea quando si tratta di salvare vite umane. Ma così non si può andare avanti. La misura è colma. Non è accettabile - ha sottolineato - che, su 23 Paesi che affacciano nel Mediterraneo, l'Italia sia l'unica a farsi carico di questa emergenza. Ora, dopo l'intervento della Spagna, aspettiamo un segnale forte dalla Ue".

E l'Italia sarà la meta finale anche dei 42 migranti (anche una donna incinta) salvati martedì scorso dalla Trenton - che fa parte del dispositivo della Nato - ad una ventina di miglia dalle coste libiche. In 12 hanno perso la vita nel naufragio. La nave della Marina Usa ha chiesto assistenza alla nave della ong Sea Watch che si trovava in zona, dopo che la guardia costiera libica si era detta non in grado di intervenire.

La Sea Watch 3 si è però detta disponibile a prendere i 42 a bordo solo "a condizione che le fosse assegnato un porto di sbarco ragionevolmente vicino". In Italia cioè, per non ripetere l'odissea della Aquarius. Ma da Roma con il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, è arrivato un fermo 'no'.

Così la Trenton ha chiesto il coordinamento alla Centrale operativa della Guardia costiera di Roma. La risposta positiva è arrivata solo ieri: la nave militare ha quindi diretto la rotta verso Lampedusa. Domani mattina è previsto l'arrivo a Sud dell'isola: lì giungeranno motovedette della Guardia costiera che prenderanno in carico i 42 per trasferirli in un porto italiano ancora da assegnare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X