Venerdì, 16 Novembre 2018
LA CRISI

Di Maio riapre a un governo Lega-M5s, ma da Salvini arriva lo stop: "Non siamo al mercato". Cottarelli di nuovo al Colle

governo lega-m5s, Lega, m5s, Carlo Cottarelli, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Matteo Salvini

Lo spread apre a 270 punti, in calo rispetto a ieri. Ma la crisi politica italiana ancora non è risolta. Cottarelli sale al colle. «Informale» viene definito dal Quirinale l’incontro avvenuto alle 9 di questa mattina tra il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ed il premier incaricato Carlo Cottarelli, che sceso dal Colle è tornato al lavoro a Montecitorio.

Intanto Matteo Salvini tuona «Mattarella ci dia il voto» da Pisa, dove è in campagna elettorale per le amministrative. Al voto, dunque. Ma alleati con chi e quando? «Prima possibile ma non a fine luglio perché ci sono le sacrosante ferie degli italiani e i lavoratori stagionali», mette in chiaro il leader della Lega. Quanto alle alleanze, le parole di Salvini sembrano escludere che la soluzione della crisi passi ora da un governo M5s-Lega. Per il dopo il segretario del Carroccio mette in chiaro: «Andremo al voto con chi sostiene il nostro programma perché l’Italia non può essere il paese che continua solo a dire signorsì all’Europa».

Luigi Di Maio, arriva di buon mattino a Montecitorio, dove lo raggiungono le sferzanti parole che Salvini gli riserva: «Di Maio riapre? Non siamo al mercato, al voto subito...». Il riferimento è alla riapertura fatta con il Quirinale per tentare un nuovo governo Lega-M5s.

«Mattarella ci dica come uscire dallo stallo: abbiamo rinunciato a posti, poltrone, presidenze e ministeri. Ci hanno sempre detto no», ributta la palla sul Colle il leader leghista. «All’ipotesi di un governo giallo-verde ci abbiamo lavorato per un mese inutilmente ma io ho una dignità politica e soprattutto l’Italia non è schiava di nessuno: i tedeschi si facciano gli affari dei tedeschi e i francesi quelli dei francesi ma agli italiani ci pensiamo noi», chiosa.

In ambienti vicini al presidente del consiglio incaricato Cottarelli si fa osservare:
«Durante l’attività del Presidente del Consiglio incaricato per la formazione del nuovo Governo sono emerse nuove possibilità per la nascita di un Governo politico. Questa circostanza, anche di fronte alle tensioni sui mercati, lo ha indotto - d’intesa
con il Presidente della Repubblica - ad attendere gli eventuali sviluppi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X