Domenica, 19 Agosto 2018

La stampa 3D anche per gli organi più difficili

Diventa possibile stampare in 3D anche gli organi dalla struttura più complessa, come il cuore e i polmoni: è pronta la stampante che permette di ottenere impalcature fatte di zucchero, modellabili in complesse reti di nastri sottilissimi. Descritta sulla rivista Additive Manufacturing, è stata messa a punto dal gruppo dell'università americana dell'Illinois guidato da Matthew Gelber.


Fonte: Matthew Gelber

La stampante 3D utilizza come inchiostro un particolare zucchero chiamato isomalto, composto da alcol di saccarosio e utilizzato anche nella pasticceria. "E' un'ottima tecnica per costruire strutture sulle quali far crescere cellule e tessuti", ha detto il bioingegnere Rohit Bhargava, direttore del Cancer Center dell'Illinois. "Ad esempio - ha aggiunto - una possibile applicazione è quella di coltivare tessuti che permettano di studiare i tumori in laboratorio".


Fonte: University of Illinois at Urbana-Champaign

I vantaggi del nuovo metodo per stampare impalcature per gli organi artificiali sono tantissimi: primo fra tutti, ha rilevato Bhargava, è la possibilità di realizzare filamenti estremamente sottili, cosa impossibile con la stampa tradizionale che utilizza inchiostri fatti di materiali plastici. L'impalcatura di zucchero permette infatti di far crescere le cellule attorno ai filamenti e, dissolvendosi, lasciano una serie di tubi cilindrici collegati fra loro e che possono essere utilizzati come modelli dei vasi sanguigni. Le strutture di zucchero sono infatti biodegradabili e, una volta che le cellule sono cresciute, si dissolvono.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X