Venerdì, 17 Agosto 2018

'Crazy for football', e l'Italia e' Mondiale

(di Martino Iannone)

L'Italia ha vinto la Dream Word Cup 2018, il campionato del Mondo di calcio a 5 per pazienti psichiatrici. In finale gli azzurri, guidati dal ct Enrico Zanchini, hanno battuto 17-4 il Cile. Il torneo si è disputato al Pala Tiziano di Roma. In semifinale gli azzurri aveva battuto 9-8 il Perù. L'Italia aveva conquistato l'accesso tra le prime quattro battendo la Francia 15-2 ed è stata trascinata da Mattia Armanni, capocannoniere del torneo con ben 24 gol.

La Dream World Cup è alla seconda edizione e si è svolta al Pala Tiziano di Roma.

"Questa iniziativa - dice Santo Rullo, psichiatra, ideatore dell'evento che si è chiuso oggi a Roma - ha realizzato il sogno di tutti i partecipanti di vestire la maglia della propria nazionale. Questa maglia ha abbattuto la vergogna, lo stigma del disturbo psichiatrico e investito di orgoglio tutti".

Dopo il match con la Francia il tecnico della Nazionale, Enrico Zanchini, aveva dichiarato: "La semifinale era l'obiettivo minimo che ci eravamo dati e per questo non possiamo che essere contenti. La speranza era quella di arrivare primi del girone per incontrare, poi com'è stato, la Francia nei quarti di finale. Ma non è stato tutto così scontato perché Ungheria e Cile sono stati ossi duri. Nei quarti con la Francia hanno giocato tutti e questa credo che sia la mia vittoria più grande: è andato in gol anche Ruggero Della Spina, uno di quelli che fino a oggi aveva giocato pochissimo. Una soddisfazione immensa, io già così mi sento campione del mondo".   

Preziosa l’opera di volontariato prestata dai soci/utenti del centro di riabilitazione psichiatrica di Progetto Itaca Roma, Associazione per la salute mentale, che si sono occupati del servizio d’ordine. “Pari dignità e qualità di vita per i pazienti psichiatrici anche nel grande sport del calcio - ha dichiarato Guido Valentini, Direttore del centro - La Nazionale italiana campione del mondo 2018 è l’unica a giocare un mondiale e a vincerlo. Festeggiamo i 40 anni della legge Basaglia con una coppa davvero eccezionale, frutto di questa riforma lungimirante. Un grazie speciale all’Associazione Ecos e al suo Presidente Valerio Di Tommaso, che ha speso tempo e risorse per organizzare questo mondiale, e a Santo Rullo, lo psichiatra tra i più illuminati che abbiamo in Italia”.

IL TORNEO

Nove squadre in campo, organizzate in due gironi da 5. E' la Dream World Cup, una manifestazione sportiva che vede in campo 150 pazienti psichiatrici per un torneo di 4 giorni, in un torneo che si svolge presso il Palazzetto dello sport di Roma.
Le squadre che partecipano al torneo sono Italia, Spagna, Argentina, Cile, Francia, Giappone, Perù, Ucraina e Ungheria. Doveva essere presente anche il Senegal, che però non ha potuto partecipare per motivi economici. Come data di apertura del torneo è stato scelto il 13 maggio, giorno in cui ricorre il quarantennale della legge Basaglia che obbligò la chiusura definitiva di tutti i manicomi. "Per i ragazzi è importante l'attività sportiva quotidiana, perché le persone con un disturbo psichiatrico hanno un rischio di una vita media del 20% inferiore rispetto alle persone che non hanno disturbi psichici - spiega Santo Rullo, Psichiatra della Nazionale italiana - perché sono condannate dalla malattia e dagli psicofarmaci a una vita sedentaria e all'aumento del peso". "Lo sport per I pazienti psichiatrici è importante perché li aiuta con reinserimento sociale e soprattutto a produrre tutta una serie di antidepressivi naturali" Così in occasione della Dream World Cup parlano Francesco Trento e Volfango De Biase, autori del documentario 'Crazy for football', vincitore del David di Donatello 2017.

MAGAZINE ANSA.IT SUL CLUB ITACA di ROMA - LEGGI

 

martino.iannone@ansa.it

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X