Sabato, 26 Maggio 2018

Viaggio nell'Italia del Giro tra cultura e umanità

Viaggi
Viaggio nell'Italia del Giro
© ANSA

CATANIA - Cultura, bellezza e umanità ma soprattutto la voglia instancabile di cercare "la parte più luminosa" delle persone e delle loro storie dal luogo dove scorre il fuoco dell'Etna fino ai segreti di Roma. E' un bellissimo viaggio in bicicletta - che fa andare veloce ma permette di non perdere nessun particolare della natura e della bellezza che ci circonda e fa sentire il sole e il vento sul viso - quello proposto da Edoardo Camurri con "Viaggio nell'Italia del Giro", il programma di Rai Cultura in onda fino domenica 27 maggio alle 14.00 su Rai2, alle 18.00 su Rai Storia e, in "pillole", alle 20.00 su Rai Sport.

"Per ogni tappa - racconta all'ANSA lo scrittore, giornalista e conduttore - abbiamo cercato un tema guida, una parola chiave che legasse le storie tra di loro. C'è il tema dell'amore, quello della ferita, della crepa, della crisi, del fuoco e poi tutti gli altri. Per ogni tappa abbiamo cercato un fil rouge che ci aiutasse a far brillare meglio le storie che incontravamo durante il percorso".

    Venti puntate - ciascuna delle quali anticipa la tappa che i corridori percorreranno - a partire dalla Sicilia con "la meravigliosa storia delle miniere di sale dell'Agrigentino - racconta Camurri - e la vicenda di Gaetano Fuardo che a Piazza Armerina inventò la benzina solida che poteva essere un'invenzione meravigliosa ed ecologica ma finì molto male".

    Fino ad arrivare alla Capitale. "Racconteremo una Roma segreta - anticipa Camurri - ma è una Roma nascosta che dà senso alla Roma che vedi. A partire dal nome segreto della città: la tradizione lo tramanda ma nessuno lo conosce. Si racconta che chi lo sa, ha in mano le chiavi della città. E' una cosa antichissima e svela una Roma che davvero non ti aspetti".

    "L'altra novità - aggiunge - è che in ogni puntata io racconto in prima persona delle storie, ad esempio quella di Vincenzo Bellini e Paolo Ciulla, questo falsario meraviglioso di Caltagirone, che danno la struttura per gli incontri che facciamo in prima persona".

    E se gli si chiede di scegliere una della tante storie incontrate lungo queste venti tappe ricchissime di incontri, Camurri risponde ridendo: "Ogni scelta è un ecatombe di possibili per cui è assai difficile fare una scelta perché l'Italia è talmente ricca che ogni 500 metri si cambia mondo in tutti i sensi, dalle facce che incontri, a quello che mangi e quello che vedi. Noi siamo un po' come dei rabdomanti che aprendo le antenne della sensibilità provano a recepire quello che succede e le storie più belle. Il nostro intento è proprio quello di ritrarre la parte più luminosa delle persone che incontriamo".
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X