Mercoledì, 19 Settembre 2018
IL CAPO DI M5S

Di Maio in tv: "Pronto al passo indietro sul premier, ma lo faccia anche Berlusconi"

m5s, nuovo governo, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Sergio Mattarella, Silvio Berlusconi, Sicilia, Politica
Luigi Di Maio durante la trasmissione In 1/2 ora in più di Rai 3,

Luigi Di Maio conferma la sua disponibilità a fare un passo indietro. E lo dice in tv alla trasmissione a "1/2h in più". "Se il punto è realizzare cose per gli italiani, fare un programma, e quell'ostacolo è Luigi D Maio premier - commenta - come ho detto scegliamo insieme un presidente del consiglio che non sia io. Se l'obiettivo come abbiamo sempre detto è quello di realizzare i fatti allora io sono sicuro che con chi ha a cuore la gente allora una soluzione la dobbiamo trovare, soprattutto se il rischio è che arrivi un altro algido governo tecnico" che "non avrebbe connessione con il Paese".

Ma ci sono anche dei paletti: "Condizione per un passo indietro è che che il presidente del consiglio dei  ministri "realizzi il reddito di cittadinanza, tolga la Fornero e faccia una legge anticorruzione. Scegliamo una persona politica, l'ultimo dei problemi, se della Lega o del M5s. Scegliamo una personalità che possa rappresentare le due forze". Anche un tecnico? "Purché sia una personalità in grado di gradire e comprendere il momento storico: questa è la differenza con i tecnici. Se siamo in grado di fare un governo bene altrimenti parte un governo tecnico che noi non voteremo".

L'altro paletto è Silvio Berlusconi. "Io faccio un passo indietro, Salvini fa un passo indietro, ma c'è un altro che deve fare un passo indietro" riferendosi al leader di Forza Italia e spiegando di avere parlato a Salvini di questa possibilità "un po' di tempo fa" e ricordando che "il dialogo con Salvini non è andato avanti perché c'è il tema del centrodestra".

"La mia persona rappresentava un argine a non mollare il presidente del consiglio dei ministri a tutto il centrodestra, anche a persone che non eravamo disposti a mettere nella compagine di governo come Berlusconi. Il dialogo non è andato avanti perché c'è il tema del centrodestra".

Governo del presidente? "Oggi non ci sono i numeri, perché il M5s non c'è e a quello che sento non c'è neanche la Lega. Non voteremmo la fiducia a un governo del presidente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X