Venerdì, 20 Luglio 2018

Lenti a contatto laser, come gli occhi di Superman

Ottenute lenti a contatto che sparano raggi laser come gli occhi di Superman. Costruite grazie a membrane dello spessore di un millimetro, non servono ad avere una supervista, ma a rendere ancora più sicuri i sistemi di riconoscimento basati sull'iride. La stessa membrana può essere incollata sulle banconote e funzionare come etichetta ultrasicura. Descritta sulla rivista Nature Communications, la tecnologia è stata messa a punto dal gruppo guidato da Malte Gather, della britannica University of St Andrews.

I ricercatori hanno costruito una membrana in grado di emettere luce laser a bassa intensità, se illuminata da un laser esterno, utilizzando un materiale semiconduttore organico che è ritenuto sicuro per l'occhio umano. E' considerata sicura anche l'intensità della luce emessa. La membrana è stata quindi incollata su una lente a contatto e testata sull'occhio di un bovino. Secondo i ricercatori è un primo passo per ottenere lenti a contatto laser anche per l'uomo, da utilizzare come sistemi di riconoscimento.

Queste membrane infatti emettono una firma ottica unica: "regolando la struttura reticolare del materiale, l'emissione del laser può essere progettata in modo da mostrare una serie di linee, come la sequenza di uno e zero in un codice a barre digitale", ha rilevato uno dei ricercatori Markus Karl.

Finora erano già stati ottenuti semiconduttori organici che emettono luce laser, ma questi erano rigidi e spessi. E' la prima volta che è stata ottenuta una membrana flessibile, molto sottile e nello stesso tempo robusta, in grado di essere incollata su qualsiasi superficie. Inoltre le proprietà della membrana, comprese quelle ottiche, non cambiano quando viene incollata su qualsiasi materiale. Questo la rende ideale nelle applicazioni sulla sicurezza, per esempio per usarla come etichetta anti-contraffazione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X