Mercoledì, 19 Settembre 2018

La luce intrappolata in un atomo

Scienza e Tecnica
Una rappresentazione artistica delle particelle di luce intrappolate nel grafene (fonte: Credit ICFO)
© ANSA

Intrappolata in un atomo, la luce si prepara a gettare le basi per costruire dispositivi ancora piu' miniaturizzati e sensori molto piu' potenti. Particelle di luce sono infatti state imprigionate nel grafene, il materiale del futuro e sottile come un atomo premiato con il Nobel per la fisica. Pubblicato sulla rivista Science, il risultato e' stato ottenuto in Spagna, nell'Istituto di scienze fotoniche (Icfo) di Barcellona. La ricerca e' stata condotta in collaborazione con l'universita' portoghese di Minho, l'americano Massachusetts of Technology (Mit) e alcuni dei centri coinvolti nel progetto Grafene promosso dalla Commissione Europea.

"Avere raggiunto il limite estremo del confinamento della luce potrebbe portare a nuovi dispositivi di dimensioni minuscole e senza precedenti", ha rilevato uno dei responsabili del Progetto grafene, Andrea Ferrari. Il risultato e' una prova di principio, un primo passo verso dispositivi sempre piu' piccoli in grado di guidare e controllare la luce. "Il grafene ci sorprende: nessuno pensava che sarebbe stato possibile confinare la luce in un singolo atomo e adesso diventano possibili nuove applicazioni", ha detto il coordinatore della ricerca, Frank Koppens.

Il minuscolo dispositivo di grafene e' stato ottenuto alternando diversi strati di un materiale isolante come il nitruro di boro e di grafene, che e' in grado di guidare la luce sotto forma di plasmoni, ossia oscillazioni di elettroni che interagiscono molto con la luce.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X