Domenica, 16 Dicembre 2018

Gli 80 anni di Claudia Cardinale, selvaggia e anticonformista: "Mai una diva" - Le foto di una vita

NAPOLI. Il presente è il teatro con un omaggio al 'suo' Pasquale Squitieri, il futuro non esclude il cinema, «anche se è più facile farlo in Usa e in Francia che in Italia». Claudia Cardinale, 80 anni quest'oggi, non rinuncia alla natura selvaggia e anticonformista che negli anni d’oro del cinema italiano la resero musa ispiratrice dei più grandi registi dell’epoca, da Visconti a Fellini, da Germi a Leone.

«Non ho mai nascosto la mia età, non sono mai stata e mai sarò una diva. Sono una donna normale, come tutte le altre», rivendica incontrando la stampa al teatro San Carlo di Napoli dove oggi sarà festeggiata in concomitanza con la prima di Lady Macbeth del distretto di Mtsensk di Shostakovich.

L’attualità è l’impegno al teatro Augusteo di Napoli dove va in scena con Ottavia Fusco ne 'La strana coppia', la commedia di Neil Simon riadattata secondo un’idea di Pasquale Squitieri con due donne protagoniste anziché i due uomini della versione originale: «E' un progetto al quale Pasquale teneva molto - spiega - lo facciamo in suo onore».

Il resto è un tuffo nei ricordi. Dagli inizi suo malgrado ("non volevo fare cinema, fu un incidente, mi nominarono italiana più bella di Tunisi senza che fossi iscritta al concorso"), alla prima volta a Venezia ("presi l’aereo con i miei e c'erano le locandine che dicevano ecco la ragazza che ha detto no al cinema"). E poi l’impatto traumatico col Centro Sperimentale: «Sbattei la porta e fui promossa per il mio temperamento». E il successo prorompente con 'I soliti ignotì e 'Otto e mezzò, 'Il Gattopardò e 'Il bell'Antonio'.

Tanti i ricordi legati ai compagni di set. Da Alain Delon ("quando finivamo di girare c'era la coda di uomini e donne per andare a letto con lui") a Marcello Mastroianni, le cui intenzioni non prese mai sul serio: «Non ci sono mai cascata. E poi io ho amato un solo uomo, Pasquale Squitieri, l’uomo della mia vita».

Passando per David Niven ("Quando andai a Hollywood lui mi fece un gran complimento, disse che ero la più bella invenzione italiana dopo gli spaghetti") e Sergio Leone ("In C'era una volta il west ero l’unica donna del set e ancora oggi i tassisti quando mi vedono fanno il verso dell’armonica che suonava Charles Bronson") fino ad Alberto Sordi: «Con lui mi divertii molto in Australia a girare 'Bello onesto emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata', dove io - ricorda scoppiando in una fragorosa risata - non ero illibata ma una puttana. Lui non voleva estranei in casa, solo io ero ammessa».

Erano i tempi in cui CC era opposta alla bellezza francese di BB, Brigitte Bardot: «Eravamo la mora e la bionda, ma fummo molto complici sul set de 'Le Pistolere'». L’amore per Squitieri si trasmette alla città di Napoli: «E' una città che amo, come la sua musica e il suo cibo. Fui costretta a trasferirmi a Parigi perché a Roma avevo sempre i paparazzi sotto casa. Era diventata invivibile, cambiai casa tre volte», dice mentre scherza con i fotografi mimando il gesto della pistola prima di tornare a teatro, un amore scoperto tardi. «Perché prima avevo paura di farlo, ora non più».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X