Lunedì, 23 Aprile 2018

Cipolla Bianca di Margherita, parte la campagna di raccolta

Ha preso il via la raccolta della Cipolla Bianca di Margherita, prodotto a indicazione di origine protetta (Igp) coltivato in Puglia nei territori di Margherita di Savoia (Barletta, Andria, Trani), Zapponeta e Manfredonia (Foggia) per una superficie di 180\200 ettari. L'avvio della raccolta produttiva è stata presentata a Roma dai vertici del consorzio di tutela della denominazione nella sede dell'Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (Aicig) con un'analisi sui dati di mercato della produzione pugliese.

Il prodotto, riconosciuto con marchio europeo due fa anni fa, ha un giro di affari- di 7 milioni di euro. La sua produzione certificata- si legge in una nota dell'organismo di tutela- è passata dai 16mila quintali del 2016 ai 22mila quintali nel 2017 con una crescita del 30%. Il consorzio di tutela associa 20 aziende di produttori di cui 2 coperative di produzione e 4 aziende di commercializzazione. Le peculiarità organolettiche sono quelle di essere una cipolla fresca, con bulbi particolarmente teneri e ricca in zuccheri.

"La nostra cipolla - ha spiegato il presidente del Consorzio di Valorizzazione e Tutela della Cipolla Bianca di Margherita Igp Giuseppe Castiglione - viene prodotta non nel terreno, come di consueto accade, ma nelle sabbie del Mar Adriatico, a sud del Gargano, in una zona di elevato interesse ambientale, tutelata da una convenzione internazionale (Ramsar 1979). I numeri del 2017 di vendita sono stati incoraggianti, arrivando - ha aggiunto - a 22.164 quintali, il 30% in più del 2016. L'obiettivo per il 2018 è mantenere questa percentuale di crescita".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X