Venerdì, 20 Aprile 2018

I nuovi ingredienti del brodo primordiale

Scienza e Tecnica
Le eruzioni vulcaniche hanno avuto un ruolo importante nell’origine della vita, con alcuni composti a base di zolfo derivati dalle eruzioni di 3,9 miliardi di anni fa e diventati ingredienti del brodo primordiale (fonte Mit)
© ANSA

Scoperti nuovi ingredienti del brodo primordiale che ha dato origine alla vita sulla Terra: è una famiglia di composti dello zolfo, abbondanti in laghi e fiumi della Terra primitiva grazie a sostanze come il biossido di zolfo emesse dai vulcani 3,9 miliardi di anni fa. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Astrobiology.

Coordinati da Sukrit Ranjan, gli astrobiologi del Massachusetts Institute of Technology (Mit) e dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, grazie a modelli al computer hanno ricostruito in laboratorio le condizioni ambientali della Terra primitiva, un luogo inospitale in cui l’atmosfera era priva di ossigeno e la superficie bombardata da asteroidi e scossa da vulcani. Sono così riusciti a dimostrare che alcuni composti dello zolfo accelerano la sintesi dei precursori dell’Rna, cugino del Dna e custode delle informazioni geniche delle prime cellule.

“Le molecole che contengono zolfo - ha spiegato all’ANSA John Brucato, astrobiologo dell’Osservatorio di Arcetri dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) - hanno avuto un ruolo importante nell’origine della vita, per esempio facilitando le reazioni chimiche e il ripiegamento delle prime proteine”. Per lo studioso, però, da sole non bastano. “Le nostre attuali conoscenze - ha aggiunto - indicano che il brodo primordiale era un miscuglio di acqua e composti organici di origine spaziale. La Terra primitiva era, infatti, arida, l’acqua - ha spiegato - è arrivata solo in un secondo momento portata dagli asteroidi”.

Per Brucato, è quindi importante studiare anche nello spazio l’origine della vita, “come stiamo facendo - ha concluso - con la missione Osiris-Rex, partita nel 2016 verso l’asteroide Bennu, dal quale preleverà campioni da riportare a Terra nel 2023”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X